Palermo-Milano: Sola Andata, 4 errori del film con Raoul Bova e Giancarlo Giannini

Palermo-Milano: Sola Andata, 4 errori del film con Raoul Bova e Giancarlo Giannini
di

Questa sera torna in tv Palermo-Milano: Sola Andata, il film del 1995 diretto da Claudio Fragasso che ha per protagonisti Raoul Bova e Giancarlo Giannini. La pellicola racconta la storia del "ragioniere della mafia" che viene scortato in un lungo viaggio dalla Sicilia alla Lombardia per testimoniare contro un potente boss.

Questo film però presenta alcuni vistosi errori che probabilmente non avrete notato nonostante lo abbiate visto molteplici volte. In primo luogo, la scena dell'attentato di Leofonte non è ambientata in Sicilia come tutto farebbe pensare, bensì in Toscana, in particolare nella celeberrima Piazza Anfiteatro di Lucca, ben riconoscibile dalle sequenza sceniche.

Se poi osserviamo con attenzione le sequenze girate in treno, notiamo facilmente che il vagone è stato appositamente costruito in uno studio, infatti le tendine del corridoio che normalmente dovrebbero essere all'interno del corridoio, sono poste all'esterno. Nella scena girata a Milano invece, troviamo un errore facile da individuare. I protagonisti passano attraverso la Galleria Vittorio Emanuele, entrano poi in Piazza della Scala e da qui escono direttamente in Piazza del Duomo. Ciò farebbe sembrare insomma che le due celebri piazze di Milano siano contigue ma, non è assolutamente così.

Nel finale poi, quando la squadra giunge in Tribunale, possiamo notare come sia stato fatto un grossolano errore nella distribuzione degli agenti che si pongono alle spalle del personaggio interpretato da Giancarlo Giannini invece di circondarlo totalmente. Una simile disposizione avrebbe lasciato campo libero a qualsiasi attentatore. Voi avete notato altri errori? Segnalateceli nella sezione commenti.

Quanto è interessante?
3