Pacific Rim: Uprising, perché Charlie Hunnam non ci sarà

di

Nonostante delle ottime critiche e lo status di cult da parte del pubblico, il primo Pacific Rim non è andato benissimo al botteghino. Nei mercati internazionali, però, ed in primis in Cina, la pellicola è andata molto meglio.

Anche se i piani per un sequel ci sono sempre stati, non se ne è mai parlato ufficialmente fino al 2016 quando Legendary fu acquisita da Wanda. Al sequel fu data priorità assoluta (Pacific Rim: Uprising); il protagonista del precedente Charlie Hunnam, però, annunciò che non sarebbe tornato nel film ed ora spiega il perché: "Troppi impegni presi in precedenza, ed ero coinvolto al 100% nel fare l'altro film, Papillon. Quel che è accaduto è che Legenday è stata venduta a Wanda, una società cinese. Anche se il film non era andato benissimo nel mondo, in Cina è stato un enorme successo e cosi, improvvisamente, il sequel è diventato il loro focus principale, con l'intenzione di farlo rapidamente... il loro calendario è cambiato, avrei potuto farli entrambi, probabilmente almeno, ma mentre stavano scrivendo lo script mi chiesero: 'ci sarai o no?'. Thomas Tull mi disse 'stai facendo quell'altra pellicola ed il cuore è lì. Non voglio che tu sia sul set di Uprising se non sei felice, quindi concentrati sull'altro'. E' stato molto generoso.".

Pacific Rim: Uprising uscirà a febbraio 2018.

Quanto è interessante?
0