Oscar 2019: Alfonso Cuaron e Guillermo Del Toro contro la premiazione in differita

Oscar 2019: Alfonso Cuaron e Guillermo Del Toro contro la premiazione in differita
di

Qualche ore fa, l'Academy of Motion Picture Arts e Sciences ha svelato che fotografia, montaggio, cortometraggio e trucco e acconciatura saranno le quattro categorie i cui rispettivi premi, nel corso degli Oscar 2019 verranno assegnati durante la pubblicità.

Le quattro premiazioni saranno mostrate in differita quando il collegamento in diretta col Dolby Theatre verrà ristabilito (anche se nelle dirette streaming sui social e sul sito ufficiale dell'Academy tutto andrà in onda senza pubblicità), e gli sarà garantita la presenza per la prossima edizione della cerimonia.

Ovviamente sono state tantissime le polemiche dietro a questa decisione - presa per ridurre il minutaggio della serata - e nel coro di protesta si sono fatte sentire anche voci illustri come quelle di Guillermo Del Toro e Alfonso Cuaron.

Queste le parole del regista de La Forma dell'Acqua, attuale detentore delle statuette per la miglior regia e per il miglior film: "Se posso, non presumo di suggerire quali categorie tagliare durante lo spettacolo degli Oscar ma - La cinematografia e il montaggio sono il cuore della nostra attività. Non sono ereditati da una tradizione teatrale o da una tradizione letteraria: sono il cinema stesso."

Di seguito, invece, quelle del suo connazionale e amico Cuaron, che con ROMA proverà ad impedire che le statuette lascino il Messico. "Nella storia del CINEMA, i capolavori sono esistiti senza suono, senza colore, senza una storia, senza attori e senza musica. Nessun film è mai esistito senza il CINEMAtography e senza il montaggio."

Come al solito, trovate i post originali in calce all'articolo.

Voi cosa ne pensate della questione? Fatecelo sapere nei commenti.

Gli Oscar 2019 andranno in onda nella notte fra domenica 24 e lunedì 25 febbraio.

Quanto è interessante?
7