Oppenheimer: lo spropositato cast di Christopher Nolan cresce ancora, nuova aggiunta!

Oppenheimer: lo spropositato cast di Christopher Nolan cresce ancora, nuova aggiunta!
di

A pochi giorni dal casting di Guy Burnet in Oppenheimer, lo spropositato progetto di Christopher Nolan continua a crescere con l'aggiunta di una nuova star ai già notevoli ranghi.

Stando a quanto riportato da Variety, infatti, Josh Peck interpreterà Kenneth Bainbridge, un vero scienziato che faceva parte del Progetto Manhattan, il progetto statunitense dell'era della Seconda Guerra Mondiale che sviluppò le prime armi nucleari. Peck è solo l'ultimo annuncio di un cast a dir poco gigantesco, a mani basse il più ampio della carriera di Nolan, che ha recentemente accolto anche la star di The Suicide Squad David Dastmalchian e Matthew Modine, oltre all'ormai longevo collaboratore nolaniano Kenneth Branagh. E la lista di star che abbelliranno il film è da non credere: Cillian Murphy, Josh Hartnett, Emily Blunt, Matt Damon, Florence Pugh, Robert Downey Jr, Rami Malek, Benny Safdie, Jack Quaid e Dane DeHaan, tra gli altri.

Oppenheimer è basato sul libro di Kai Bird e Martin J. Sherwin vincitore del Premio Pulitzer "American Prometheus: The Triumph and Tragedy of J. Robert Oppenheimer". Nel film, Murphy interpreterà il protagonista Oppenheimer, un fisico teorico a capo del Los Alamos Laboratory passato alla storia come "il padre della bomba atomica" per il suo ruolo fondamentale nel Progetto Manhattan, che sviluppò le armi successivamente usate nei bombardamenti di Hiroshima e Nagasaki nell'agosto del 1945. Blunt interpreterà sua moglie Katherine Vissering Oppenheimer, Pugh interpreterà Jean Tatlock, un membro del Partito Comunista degli Stati Uniti che ha avuto una relazione con Oppenheimer, mentre Safdie interpreterà Edward Teller, un membro del Progetto Manhattan considerato il "padre della bomba all'idrogeno".

La produzione di Oppenheimer è iniziata alla fine di febbraio e il film sarà il primo di Nolan con la Universal dopo la fine della sua relazione decennale con la Warner Bros. L'accordo del regista con lo studio prevede il controllo creativo totale del film, un budget da $100 milioni di dollari con lo stesso importo da spendere per il marketing, il 20 percento del primo weekend di incassi, una finestra di distribuzione cinematografica garantita per 100 giorni e, infine, un periodo di 'blackout' in cui la Universal non potrà distribuire altri film nelle tre settimane precedenti e successive alla pubblicazione di Oppenheimer. Insomma, sembra che Nolan stia puntando agli Oscar 2024 e che lo stia facendo a carte scoperte.

Oppenheimer uscirà nelle sale il 21 luglio 2023.

Quanto è interessante?
3