Nuove accuse per Bryan Singer, Rami Malek lo scarica: "Non ne sapevo niente"

Nuove accuse per Bryan Singer, Rami Malek lo scarica: 'Non ne sapevo niente'
di

Mentre la 20th Century Fox e Rami Malek si godono le nomination agli Oscar 2019 ottenute da Bohemian Rhapsody, il regista diseredato Bryan Singer ha ben poco da festeggiare.

The Wrap infatti riporta che ai danni dell'autore sono state rivolte nuove accuse di cattiva condotta sessuale che coinvolgono ragazzi minorenni. Uno degli accusatori ha dichiarato di aver avuto un rapporto sessuale con Singer nella villa del regista nel 1997, quando all'epoca l'accusatore aveva 17 anni; un altro ha rivelato di aver subito la stessa sorte, in una villa a Beverly Hills, quando aveva solo 15 anni. Il regista, all'epoca, aveva 30 anni.

L'avvocato di Singer, Andrew B. Brettler, non ha immediatamente risposto a una richiesta di commento, ma successivamente ha dichiarato al The Atlantic che il regista nega con veemenza ogni accusa. L'avvocato ha bollato come calunnie le parole degli accusatori, sottolineando come il suo cliente non sia mai stato arrestato per alcun crimine.

Nel frattempo, Rami Malek ha commentato la situazione.

"Per quanto ne so, sono stato preso in considerazione prima che venisse scelto Bryan. Così, per circa un anno non ho mai controllato la veridicità di queste accuse. A dire il vero, non sapevo molto di Bryan. Penso che le accuse siano qualcosa di cui, che ci crediate o no, sinceramente non ero a conoscenza. In qualche modo siamo riusciti a salvaguardare il film da tutto ciò che abbiamo incontrato lungo la strada. Forse è stato lo stesso Freddie a farlo perché voleva che realizzassimo un prodotto che fosse degno di lui."

Che ne pensate della faccenda? Fatecelo sapere nei commenti.

Vi ricordiamo che gli Oscar 2019 saranno assegnati il 24 febbraio 2019.

FONTE: The Wrap
Quanto è interessante?
6