Nirvana: il protagonista della cover di Nevermind ha fatto causa alla band per pedofilia

Nirvana: il protagonista della cover di Nevermind ha fatto causa alla band per pedofilia
di

Spencer Elden, il bambino della famosa cover di Nevermind, l'album dei Nirvana, oggi un uomo di 30 anni, ha intentato causa agli ex membri della band per pedopornografia e "traffico" della sua immagine personale.

L'uomo, come si legge dei documenti presentati al tribunale di Los Angeles, ha accusato oltre agli ex membri del trio grunge-rock, anche varie case discografiche, direttori artistici e altri di aver violato leggi criminali federali sulla pedopornografia e ha dichiarato che quell'immagine gli avrebbe causato sofferenze per tutta la vita. Spencer Elden, nato e residente a Los Angeles, sostiene che la sua "identità e il suo nome legale sono da sempre e per sempre legati allo sfruttamento sessuale commerciale che ha vissuto da minorenne, con la propria immagine distribuita e venduta in tutto il mondo da quando era bambino fino ai giorni nostri", secondo la denuncia presentata alla corte federale di Los Angeles.

Secondo la causa, gli imputati "hanno consapevolmente prodotto, posseduto e pubblicizzato materiale pedopornografico commerciale raffigurante Spencer, e hanno consapevolmente ricevuto denaro in cambio di questo. Gli imputati non sono riusciti a prendere misure ragionevoli per proteggere Spencer e prevenire la diffusione della sua sessualità, lo sfruttamento e il traffico di immagini”. La causa cita anche il fatto che i genitori di Elden non hanno mai firmato una liberatoria che autorizzasse l'uso delle foto scattate al bambino di quattro mesi in un centro acquatico di Pasadena nel 1990 e Elden non ha ricevuto alcun risarcimento, sostengono gli avvocati del querelante.

La copertina di Nevermind - pubblicata nel 1991 dall'etichetta Geffen/UMG - come saprete raffigura un neonato nudo che nuota sott'acqua, apparentemente verso un amo da pesca con una banconota da un dollaro attaccata. È tra le copertine di album più conosciute del rock. La causa sostiene che la foto della copertina dell'album scelta dal defunto leader dei Nirvana, Kurt Cobain, suggerisce l'immagine di una "lavoratrice del sesso che afferra una banconota da un dollaro". La causa di Elden sostiene che gli imputati "hanno usato la pornografia infantile che raffigurava Spencer come un elemento essenziale di uno schema di promozione dei dischi comunemente utilizzato nell'industria musicale per attirare l'attenzione, basato su copertine che rappresentavano i bambini in modo sessualmente provocatorio al fine di acquisire notorietà, guidare le vendite e raccogliere media. attenzione e recensioni critiche.

Per altre letture legate al mondo della musica, scoprite perché Kanye West ha cambiato ufficialmente nome; inoltre, festeggiate i recenti ottant'anni di Bob Dylan con i suoi migliori film.

FONTE: Deadline
Quanto è interessante?
3