Nightmare Alley, Guillermo del Toro analizza la lavorazione del film in un video

di

Guillermo del Toro ha rilasciato una lunga intervista a Collider racchiusa in un video di 45 minuti, nel quale racconta alcuni aneddoti che riguardano la lavorazione del film, che verrà distribuito in Italia con il titolo La fiera delle illusioni - Nightmare Alley dal prossimo 27 gennaio. Ecco le sue dichiarazioni più importanti.

Nella lunga intervista a del Toro viene chiesto che cosa contenesse in più la sua versione iniziale del film. Inizialmente infatti Nightmare Alley doveva avere una durata di 3 ore e 19 minuti.
Ecco la sua risposta:"Guarda, ero perfettamente soddisfatto del film a 3 ore e 15 minuti ma sapevo... Tutto ciò che serve è mostrarlo a qualcuno al di fuori della cerchia. Penso che tutto ciò che serva è mostrarlo anche a 20 persone e senti immediatamente i capricci o la lentezza della storia. Quindi abbiamo dovuto tagliare circa 40 minuti del carnevale e circa 20-30 minuti della città, che è stata una grande, grande, grande sfida".

del Toro ha approfondito il legame con il genere noir, al quale ha preso ispirazione - ecco i 10 film noir d'ispirazione per Nightmare Alley:"Visivamente ho cercato di allontanarmici. Ho cercato di renderlo visivamente come un film ambientato nel mondo reale, e di non stilizzarlo completamente. Abbiamo seguito il chiaroscuro ma abbiamo cercato di evitare qualsiasi stereotipo come la voce fuori campo, i ventilatori che girano lentamente, le veneziane, una strada bagnata percorsa da un detective in soprabito. Abbiamo cercato di evitare tutto questo e di reinventarlo. Ma l'influenza noir è una parabola morale, un genere molto orientato alla morale, che in realtà dipende dalle decisioni del personaggio per plasmare il suo destino".

Nei giorni scorsi, parlando del film, Guillermo del Toro ha lanciato un paragone mostruoso su Nightmare Alley e in particolare i due protagonisti del film, Cate Blanchett e Bradley Cooper.

FONTE: Collider
Quanto è interessante?
2