New Gods: per la legge del cinema Darkseid rischia di essere una brutta copia di Thanos

New Gods: per la legge del cinema Darkseid rischia di essere una brutta copia di Thanos
INFORMAZIONI FILM
di

Una delle più marmoree regole non scritte del cinema e dell'audiovisivo in generale stabilisce che, una volta apparsa sullo schermo, un'immagine si solidifica nella mente del pubblico: stessa cosa per i personaggi, e questo è il grande rischio di New Gods, il nuovo progetto DC Films.

Nei giorni scorsi infatti la regista Ava DuVernay ha confermato Darkseid come villain del film, e i critici dall'olfatto fino hanno subito sentito puzza di bruciato.

Darkseid, il cattivo più terribile di DC Comics ma non certo il più famoso, tra le altre cose è stato anche un'insospettabile fonte di ispirazione per Darth Vader e l'Imperatore Palpatine per Star Wars (a detta di George Lucas in persona) ma a livello visivo è legato a doppio filo a Thanos, paradossalmente arrivato tre anni dopo sulle pagine dei fumetti ma come sappiamo giunto con largo anticipo al cinema, e quindi ben più impresso nell'immaginario collettivo mondiale.

Questo dettaglio potrebbe rappresentare una sfida grandissima per la DuVernay e lo sceneggiatore Tom King, pluripremiato scrittore della DC Comics: in poche parole, il pubblico non iniziato ai vari retroscena del mondo dei fumetti rischia di considerare Darkseid una brutta copia di Thanos, il che minerebbe pericolosamente la riuscita del progetto (di certo ad un film di supereroi non può far bene avere come antagonista principale un "clone povero" dell'opera col più alto incasso della storia del cinema).

I tratti che i due personaggi hanno in comune sono talmente tanti da sfiorare il ridicolo: entrambi sono alieni blu/viola dalla stazza enorme e massiccia, indossano armature simili ed elmetti praticamente identici tutti e due hanno dei figli che li odiano e che hanno giurato di ucciderli, uno ha l'Omega Force, il secondo indossa il Guanto dell'Infinito, vogliono governare l'universo e comandano imponenti eserciti alieni.

Josh Brolin, che ha interpretato il villain Marvel in quattro film del MCU, ha reso Thanos uno dei villain più celebri e meglio scritti della storia del cinema, e al pubblico mondiale che il personaggio sia stato creato da Jim Starlin per la Marvel Comics tre anni dopo la creazione di Darkseid per mano di Jack Kirby (1970) semplicemente non interessa. Si tratta solo di una nota a piè di pagina della storia editoriale americana che non aiuterà di certo gli autori di The New Gods, il cui obiettivo è quello di vendere il film come qualcosa di fresco e innovativo in grado di distinguersi dal resto del panorama cine-comics: è lo stesso problema, ad esempio, di Valerian e la Città dei Mille Pianeti di Lui Besson, che sullo schermo cinematografico è sembrano niente più che una copia di Star Wars nonostante i fumetti francesi originali siano state una delle ispirazioni che spinsero Lucas a creare la sua space-opera.

Se al cinema arrivi prima semplicemente arrivi prima e non aiuterà poi che, ben prima di New Gods, i Marvel Studios pubblicheranno Gli Eterni, sulla carta molto simile al film della DuVernay e ispirato a personaggi creati sempre da Kirby: insomma potrebbe esserci del marcio su Apokolips, e la curiosità di vedere come DuVernay e King riusciranno a ventilare le stanze per rinfrescare l'ambiente è davvero tanta.

Voi cosa ne pensate di questa questione? Diteci la vostra nei commenti.

Quanto è interessante?
6