Netflix risponde alle critiche per la distribuzione di The Irishman

Netflix risponde alle critiche per la distribuzione di The Irishman
di

Il rapporto tra Netflix e le sale cinematografiche non è mai stato idilliaco: le produzioni destinate alla piattaforma streaming vengono spesso osteggiate dai proprietari di grandi e piccoli cinema, spesso poco entusiasti davanti alla possibilità di una doppia release in contemporanea sul grande e piccolo schermo, per ovvie ragioni.

The Irishman non ha fatto eccezione: in tanti, all'annuncio che l'ultima opera di Martin Scorsese sarebbe stata prodotta da Netflix, arrivarono addirittura a temere che il film non sarebbe mai approdato in sala. Un'eventualità che fortunatamente non si è poi avverata, nonostante le polemiche non siano comunque mancate.

La distribuzione del film con Robert De Niro e Al Pacino è infatti stata ridotta all'osso, con poche sale disposte a proiettare il film soltanto per pochi giorni, prima dell'uscita sulla piattaforma. Una situazione che ha generato non poche critiche rivolte a Netflix, il cui boss Scott Stuber si è però difeso: "Non è un problema di Netflix, è un problema di business. Si parla sempre di grandi IP, di film d'animazione, horror. Ci sono generi che sono rimasti tagliati fuori dal box office, perché sono più impegnativi. Invece di attuare la retorica del 'noi contro loro' dovremmo lavorare tutti insieme per capire come uscire da questa situazione. Questa è la cosa più importante, dare a più voci la possibilità di esprimersi".

Nonostante le lamentele dei proprietari delle sale, comunque, The Irishman resterà in programmazione per un periodo più lungo di quanto deciso inizialmente. E voi, andrete a vederlo in sala o preferirete aspettare l'arrivo su Netflix?

FONTE: Comicbook
Quanto è interessante?
5