Netflix: come sempre il film #1 in classifica è stroncato dalla critica

Netflix: come sempre il film #1 in classifica è stroncato dalla critica
di

Tra le uscite del mese di febbraio su Netflix, una in particolare ha messo d'accordo pubblico e critica: entrambi hanno riscontrato non poche criticità nell'opera, soprattutto in relazione al colpo di scena finale.

Stiamo parlando di Mea Culpa, legal thriller scritto e diretto da Tyler Perry. Dopo aver preso parte al film Renaissance di Beyonce, Kelly Rowland è protagonista assoluta di questo film: l'attrice interpreta l'avvocato Mea, che accetta di difendere in tribunale Zyair Malloy (Trevante Rhodes), un artista di successo accusato dell'omicidio della ex fidanzata. La vicenda si complica quando Mea, che ha un pessimo rapporto col marito e con la famiglia di lui, si lascia sedurre dal suo assistito. Un intreccio che incuriosisce e che, senza dubbio, ha contribuito a portare Mea Culpa al numero 1 dei più visti su Netflix. Molto spesso, però, il numero di visualizzazioni non è direttamente proporzionale all'apprezzamento da parte degli spettatori: Mea Culpa sembrerebbe essere proprio uno di questi casi.

Come vi abbiamo già anticipato, ciò che ha fatto discutere di più è il clamoroso colpo di scena finale, che ovviamente non riveliamo. "Questo assurdo colpo di scena poteva scriverlo soltanto Tyler Perry in persona", ha scritto un utente di X. "Ok, questo è stato spettacolarmente brutto, anche per Tyler Perry. Doveva essere alla disperata ricerca di un twist, questa cosa non ha alcun senso", ha commentato un altro.

Il giudizio dei critici non è stato tanto diverso: Mea Culpa ha un punteggio del 21% su Rotten Tomatoes. Benjamin Lee del Guardian ha dato al film due stelle, mentre il punteggio di Brittany Witherspoon su ScreenRant è di 1 stella e mezzo. Witherspoon ha parlato di "scelte di regia scadenti, dialoghi imbarazzanti, colpi di scena inutili".

E voi, avete visto Mea Culpa? Siete d'accordo con i giudizi riportati nell'articolo? Scrivetecelo nei commenti!

FONTE: Gamesradar

Questo testo include collegamenti di affiliazione: se effettui un acquisto o un ordine attraverso questi collegamenti, il nostro sito potrebbe ricevere una commissione in linea con la nostra pagina etica. Le tariffe potrebbero variare dopo la pubblicazione dell'articolo.

Iscriviti a Google News Rimani aggiornato seguendoci su Google News! Seguici
Unisciti all'orda: la chat telegramper parlare di videogiochi