Muschietti assicura di non aver ricevuto imposizioni da Stephen King per IT

Muschietti assicura di non aver ricevuto imposizioni da Stephen King per IT
di

Approcciarsi ad un'opera come IT non è facile, né per le inevitabili aspettative del pubblico da soddisfare né per il doversi interfacciare con un gigante della letteratura horror come Stephen King, che non ha mai disdegnato di esprimere pareri anche poco carini sui film tratti dai suoi libri (chiedere a Kubrick per informazioni).

Voci girate durante questi ultimi giorni, a tal proposito, parlavano di un paio di scene inserite nel film dietro una non troppo velata pretesa proprio del celebre scrittore del Maine, che avrebbe quindi messo più di una mano sul copione adottato da Andy Muschietti.

Le proporzioni della cosa, però, sono subito state ridimensionate dallo stesso regista: "Ho semplicemente condiviso con lui la sceneggiatura perché volevo sapere cosa ne pensasse, se avesse qualche tipo di appunto da fare e lui, molto generosamente, mi ha detto: 'Guarda, prendi questo consiglio per quello che è. Non è un ordine né altro. Ci sono una o due cose che mi piacerebbe vedere nel film'. E questo è tutto" ha spiegato Muschietti.

Il regista delle due parti di IT ha anche spiegato il perché del mancato cameo di Guillermo Del Toro, che Muschietti avrebbe fortemente voluto. Pare, inoltre, che sia in lavorazione una versione integrale di IT che racchiuda entrambe le parti uscite al cinema separatamente.

Quanto è interessante?
5