Minority Report ha davvero ispirato una caratteristica degli iPhone?

Minority Report ha davvero ispirato una caratteristica degli iPhone?
di

Arrivato nel 2002 nelle sale cinematografiche, Minority Report ha previsto molte tecnologie della nostra quotidianità, sebbene il nostro mondo sia lontano dalla distopia dell'opera. Tuttavia, il film sembra includere un particolare che va oltre le semplici previsioni: un suono molto familiare per chi possiede un iPhone. Di cosa si tratta?

Minority Report è ambientato nel 2054 e ipotizza un futuro nel quale la città di Washington riesce a impedire gli omicidi grazie a un sistema noto con il nome di Precrimine, che si basa sulle visioni premonitrici di tre individui che hanno poteri extrasensoriali di precognizione (detti Precog).

Grazie a queste previsioni, la polizia riesce ad arrestare i potenziali colpevoli prima che commettano l'omicidio, punendo la loro intenzione: un sistema molto delicato e che incontra una larga contrarietà, ma che sembra funzionare e che, grazie al lavoro del capitano John Anderton (Tom Cruise), sta per essere adottato su scala nazionale. Sapevate che Tom Cruise ha imparato a respirare sott'acqua per Minority Report?

Alcune tecnologie che appaiono nel film e che al tempo erano impressionanti, oggi fanno parte della nostra vita quotidiana, come le pubblicità personalizzate, il riconoscimento facciale o la possibilità di controllare con la voce i propri dispositivi domestici.

Uno dei device tecnologici che appaiono in Minority Report è uno scanner oculare per l'apertura di una porta, che al momento del riconoscimento dell'iride di Anderton emette un suono molto familiare per gli spettatori, soprattutto per quelli che possiedono un iPhone. Si tratta, infatti, di un suono molto simile a quello del caricamento dell'iPhone. Ma la cosa davvero assurda è che il primo iPhone è stato messo in commercio nel 2007, ben 5 anni dopo l'uscita in sala di Minority Report!

Non c'è mai stata una conferma ufficiale da parte di Apple, che mantiene ignota l'origine del suono, ma i fan ne sono convinti: non può essere solo una coincidenza! Per alcuni è possibile che il suono sia stato scelto proprio come citazione a Minority Report, film di cui probabilmente alcuni sviluppatori erano fan, mentre secondo altri l'effetto potrebbe essere lo stesso (magari appartenente a una libreria di suoni a cui avevano accesso sia la produzione del film che Apple) e l'azienda big tech, semplicemente, non si è resa conto.

Di recente i loro percorsi sono tornati a incrociarsi: un'app per Apple Watch cita Minority Report, permettendo di controllare la propria smart TV con il semplice movimento delle mani.

FONTE: CBR
Quanto è interessante?
2