Michael Dougherty spiega "forme e poteri" dei kaiju in Godzilla: King of the Monsters

Michael Dougherty spiega 'forme e poteri' dei kaiju in Godzilla: King of the Monsters
di

Mentre il suo film continua la sua corsa nelle sale mondiali (la nostra recensione di Godzilla: King of the Monsters), il regista Michael Dougherty ha avuto modo di approdare su Twitter per rispondere a tanti fan su "forme e poteri" dei vai kaiju, partendo da Godzilla fino ad arrivare alla Regina dei Mostri, Mothra.

Un fan chiede al regista: "Le scaglie dorsali sono state ripensate in King of the Monsters perché quelle originali sono andate distrutte nel romanzo ufficiale?". Risponde Dougherty: "Le scaglie di Godzilla si spezzano in continuazione, cadono e ricrescono in continuazione, proprio come le corna di un cervo. O i nostri capelli". È anche una questione di look, in senso estetico, perché sono leggermente differenti e più vicine al look del primo film del 1954.

Dopo che Serizawa lo sovraccarica con un lauto pasto di radiazioni, Godzilla raggiunge Boston a piena potenza e si scontra con Ghidorah, diventando lentamente termonucleare. Quando non riesco poi a trattenere più la sua energia, Godzilla assume una forma nuova, completamente avvolto dalle radiazioni e scaldato dall'interno dalla loro potenza, venato di rosso, dagli occhi incendiati di fuoco e capace di irradiare e fondere qualsiasi cosa intorno a lui. Una forma stupefacente al centro della domanda di un altro fan: "La forma di Fire Godzilla è temporanea o è una forma che Godzilla potrà utilizzare ancora in condizioni specifiche?".

Spiega Dougherty: "Sì, è temporanea. Quando si vengono a creare determinate condizioni". Quindi potremmo rivederla in futuro, ma solo se verrà nuovamente irradiato all'eccesso e aiutato da Mothra, che ricordiamo si sacrifica per aiutarlo, lasciando che il suo polline penetri nel corpo di Godzilla. Il regista usa infatti l'hashtag #Symbios, riferendosi probabilmente proprio a questo particolare evento.

Per finire, un fan chiede se la macchie sulle ali di Mothra siano in qualche modo plasmate per somigliare agli occhi di Godzilla, e Dougherty risponde: "Le macchie di Motrha imitano gli occhi di Godzilla: è un chiaro esempio di mimesi, qualcosa di non così raro in natura. È la sua portabandiera... e la sua Regina".

Godzilla: King of the Monsters è attualmente in proiezione nelle sale italiane.

Quanto è interessante?
3