Eímear Noone prima donna nella storia a dirigere l'orchestra alla Notte degli Oscar

Eímear Noone prima donna nella storia a dirigere l'orchestra alla Notte degli Oscar
di

Una donna dirigerà per la prima volta nella storia l'orchestra alla Notte degli Oscar. L'annuncio è arrivato proprio dall'Academy. La direttrice d'orchestra e compositrice Eímear Noone eseguirà i brani tratti dalle cinque colonne sonore candidate. Per il momento non emergono ulteriori dettagli sulla scaletta della performance della serata.

Non è chiaro infatti se l'esecuzione avverrà con le musiche unificate in un unico momento specifico della serata oppure se verranno divise ed eseguite separatamente. Non è stata nemmeno specificata la posizione dell'orchestra, che potrebbe essere esibirsi sul palco oppure nella classica fossa d'orchestra. Eímear Noone è stata intervistata da Variety in merito alla scelta dell'Academy:"I meravigliosi produttori degli Oscar hanno deciso che avrebbero voluto vedere finalmente una presenza femminile sul podio dopo tutti questi anni".

Noone ha poi elogiato Rickey Minor, che ha condotto la scorsa edizione:"Uno straordinario spirito affine che si sforza di elevare la musica e i musicisti verso ogni possibile svolta".
Ovviamente la compositrice si dimostra molto emozionata:"Sarei morta dentro se non avessi preoccupazioni. Fortunatamente per me ho molti amici nell'orchestra e ho molti amici nella pagina di fronte a me. Lo sfondo cambia ma i piccoli punti neri sulla pagina sono sempre casa mia. Non importa in quale Paese mi trovi, o in quale sala da concerto, non importa: lo spartito è dove si trovano la mia mente e il mio cuore".
Noone divide il suo tempo tra Dublino e la California, lavorando a 40/50 concerti nel corso di tutto l'anno; è stata la prima donna a dirigere alla National Concert Hall di Dublino e per quattro anni ha diretto la Dublin City Concert Orchestra.
Per quanto riguarda gli Oscar, per i candidati a miglior film previsti incrementi negli incassi. Nel frattempo ai SAG Awards ha trionfato Parasite.

FONTE: Variety
Quanto è interessante?
2