Mary Shelley: gli utenti festeggiano sui social i 223 anni dell'autrice di Frankenstein

Mary Shelley: gli utenti festeggiano sui social i 223 anni dell'autrice di Frankenstein
di

Il 30 agosto 1797 nasceva Mary Shelley, la celebre scrittrice divenuto nota a livello mondiale per aver dato vita a uno dei personaggi più iconici di tutta la letteratura horror, grazie al suo romanzo gotico Frankenstein. Per l'occasione i fan della scrittrice si sono riversati sui social celebrando la gioiosa ricorrenza.

Il nome di Mary Shelley è quindi rapidamente diventato trend su Twitter, con i fan che hanno utilizzato il social network per condividere citazioni dalle sue opere e curiosità sulla sua vita non certo facile. In calce a questa news potete leggerne alcuni piuttosto interessanti in mezzo a tutti gli altri messaggi di auguri.

La vita della scrittrice è stata raccontata in tempi recenti nel film Mary Shelley con Elle Fanning nella parte principale; il film si sofferma sulla travagliata vita sentimentale dell'autrice e in particolare sul concepimento del concept che poi la porterà a scrivere il celebre Frankenstein, ispirandosi ad episodi realmente accaduti e tragedie affrontate in prima persona.

Il film racconta anche l’amore tra la 18enne Mary Wollstonecraft e il poeta Percy Shelley, all’epoca già sposato con Harriet Westbrook e vede nel cast anche Douglas Booth, Bel Powley, Tom Sturridge e la star di Game of Thrones, Maisie Williams. Diretto da Haifaa Al-Mansour (La bicicletta verde), la pellicola si basa su una sceneggiatura della stessa regista e di Emma Jensen.

Sinossi: L’appassionata e ribelle Mary Wollstonecraft trova uno spirito gentile e affine al suo nel poeta Percy Shelley. Il loro amore proibito e irrequieto scandalizza la società dell’epoca, mentre la loro fama letteraria cresce con il loro stile di vita da bohémien. Ma quando la tragedia irrompe e la loro piccola figlia muore, Mary saprà trovare il coraggio per ricominciare e trasformare il suo dolore nel romanzo di fantascienza più famoso e celebrato di sempre: Frankenstein.

Quanto è interessante?
1