Martin Scorsese stufo dell'ossessione per il box office: "É ripugnante"

Martin Scorsese stufo dell'ossessione per il box office: 'É ripugnante'
di

Negli ultimi tempi Martin Scorsese si è mostrato piuttosto critico nei confronti del mondo del cinema e nei giorni scorsi dal New York Film Festival ha fatto sapere di essere ormai stanco dell'eccessivo svilimento a cui è sottoposta la settima arte, ormai troppo spesso dipendente dai soli guadagni.

Il regista nel tentativo di pubblicizzare l'evento che attualmente in corso nella Grande Mela ha detto: "Il cinema è svalutato, umiliato, sminuito da tutte le parti, non necessariamente dal lato degli affari ma sicuramente nella sua arte. Dagli anni '80 ci si concentra solo sui numeri. È un po' ripugnante. Il costo di un film è una cosa. Capisci che un film costa un certo importo, si aspettano almeno di riavere indietro quell'importo e naturalmente molto altro. L'enfasi ora è sui numeri, i costi, il weekend di apertura, quanto ha guadagnato negli Stati Uniti, quanto ha guadagnato in Inghilterra, quanto ha guadagnato in Asia, quanto ha guadagnato nel mondo intero, quanti spettatori ha ottenuto".

Proprio per tale ragione Scorsese è da sempre critico nei confronti del film Marvel e per sottolineare tutto il suo amore per il cinema ha quindi aggiunto: "Come regista e come persona che non può immaginare la vita senza il cinema, trovo tutto questo davvero offensivo. Ho sempre saputo che tali considerazioni non hanno posto al New York Film Festival, ed ecco come si esprime tutto questo: non ci sono premi qui. Non devi competere. Devi solo amare il cinema qui".

Le sue parole colpiscono sicuramente nel segno, soprattutto dopo il controverso articolo che definisce Scorsese discontinuo e autoindulgente. E voi, cosa ne pensate di questo discorso del regista di The Departed? Ditecelo nei commenti.