Marvel

Martin Scorsese rincara la dose: "Non dovremmo essere invasi dai film Marvel"

Martin Scorsese rincara la dose: 'Non dovremmo essere invasi dai film Marvel'
di

Come se non fosse bastato il movimento di sollevazione popolare generato dalle dichiarazioni sui film Marvel Studios di qualche giorno fa, il regista Martin Scorsese ha rincarato la dose nel corso della conferenza stampa di presentazione di The Irishman al London Film Festival.

Ripartendo dalla sua teoria secondo la quale i film del Marvel Cinematic Universe rappresentano un grande parco divertimento e che non devono essere considerati come cinema vero e proprio, il regista di Taxi Driver e L'Ultima Tentazione di Cristo ha dichiarato:

"Il valore di un film, di un film che assomiglia ad un parco a tema, ad esempio le produzioni Marvel in cui i cinema diventano appunto dei parchi di divertimento, quella è un'esperienza totalmente diversa. Come dicevo prima, non è cinema, è qualcos'altro. Indipendentemente dal fatto che piacciano o meno, si tratta di qualcos'altro e non dovremmo esserne invasi. Credo sia un grosso problema, e avremmo bisogno che gli esercenti si facciano avanti per consentire ai cinema di mostrare dei film narrativi".

Nella settimana che si sta chiudendo, diverse personalità del mondo del cinema hanno commentato le dichiarazioni di Scorsese, come Robert Downey Jr., James Gunn, Kevin Smith e Samuel L. Jackson.

Voi cosa ne pensate sulla questione? Come al solito, fatecelo sapere nell'apposita sezione dei commenti che trovate in calce all'articolo.

Quanto è interessante?
6