Martin Scorsese: "Netflix offre soldi e libertà, non è da tutti"

Martin Scorsese: 'Netflix offre soldi e libertà, non è da tutti'
di

Per Martin Scorsese Netflix è stato una manna dal cielo. Dopo il fallimento al botteghino di Silence, infatti, il regista di Taxi Driver stava trovando non poche difficoltà a trovare una produzione per The Irishman, il suo nuovo, attesissimo film.

"Netflix si presenta con soldi e libertà, non tutti lo fanno" ha detto Scorsese a Vanity Fair durante la cena di gala per il 50esimo anniversario di Film at Lincoln Center. Il regista uscirà su Netflix con i suoi due prossimi progetti, il documentario Rolling Thunder Revue: A Bob Dylan Story by Martin Scorsese e, ovviamente, The Irishman.

Scorsese si trova, dunque, a metà strada nella disputa tra Netflix e l'Academy, che ha da breve votato contro la proposta di allargare il periodo di proiezione in sala necessario per candidare un film agli Oscar. Il regista di Quei Bravi Ragazzi mantiene un profilo prudente sulla questione: "Dovete dargli tempo, perchè è un mondo nuovo. Potrebbero fare diverse cose. Uno non può ignorare i film che vanno alla grande al box-office, ma allo stesso tempo non stiamo parlando de Il Laureato, di Schindler's List o di uno dei miei film!" conclude, ridendo. "Voglio che le persone siano pazienti con loro, devono provare a fare diverse cose, discuterne, perchè questo ti faccia pensare a che cos'è un film, a come dev'essere presentato, specialmente in questo mondo nuovo".

The Irishman, con il quale Netflix punta all'Oscar per il Miglior Film sfuggito quest'anno a Roma, uscirà ad ottobre sulla piattaforma e nelle sale.

FONTE: IndieWire
Quanto è interessante?
4