Lutto nel mondo del cinema: è morta Elsa Martinelli

di

L'attrice italiana è morta nella sua casa romana, aveva 82 anni e pare fosse malata da tempo. Nata nel 1935 a Grosseto, la sua è una storia da sogno che l'ha portata letteralmente dalle "stalle", fino allo scintillante mondo di Hollywood.

Elsa Martinelli era figlia di un ex contadino che divenne poi usciere per le Ferrovie dello Stato a Roma. Famiglia numerosa, la sua, composta oltre a lei e ai genitori, da sei sorelle e un fratello. Non c'era tempo di andare a scuola all'epoca e la Martinelli, come molti ragazzini della sua età, a soli dieci anni, dopo la quinta elementare, fu "spedita" a lavorare. Fece di tutto, dalla commessa in un negozio di cappelli, alla cameriera, alla cassiera.

La fortuna arrivò un giorno, a via Frattina, vicino Piazza di Spagna. Lo stilista Roberto Capucci la vide e la volle immediatamente come modella. Iniziò a lavorare nell'alta moda. La Martinelli era diversa dalle donne dell'epoca. Era naturalmente esile, dal portamento elegante, assolutamente lontana dall'ideale di "maggiorata" che da lì a poco avrebbe spopolato, dopo gli anni della guerra.

Nel 1955 arrivò Hollywood. Elsa Martinelli era apparsa su una copertina di Life che arrivò nelle mani di Kirk Douglas. Lui la vide e la volle assolutamente per Il cacciatore di indiani. Grazie al suo look androgino, alla sua eleganza naturale, al fatto di sapersi muovere con disinvoltura non solo di fronte alle telecamere, ma anche al fianco dei mostri sacri del jet set internazionale, la Martinelli conquista Hollywood e da lì, la sua, sarà una carriera simbolo del sogno che diventa realtà.

Tra i riconoscimenti ottenuti, vinse l'Orso d'Argento al Festival di Berlino come migliore attrice, nel 1956, per l sua interpretazione in Donatella, di Mario Monicelli, in cui interpreta una ragazza che esce dalla povertà grazie all'incontro con una donna ricchissima.

FONTE: Ansa.it
Quanto è interessante?
5