Troppo lunghi, esagerati e rumorosi: l'opinione di Willem Dafoe sui cinecomic

Troppo lunghi, esagerati e rumorosi: l'opinione di Willem Dafoe sui cinecomic
di

La star di Spider-Man e Aquaman, Willem Dafoe, ha espresso la propria opinione sulla polemica che circonda il botta e risposta tra Martin Scorsese - principalmente - e la Marvel, sull'effettiva rilevanza dell'MCU nella storia del cinema. Con la solita schiettezza che lo contraddistingue, Dafoe ha articolato il proprio punto di vista.

"Ho girato alcuni di quei film e sono divertenti. Ma anche allora sono stato fortunato perché erano personali. Ad esempio, Spider-Man è stato molto divertente perché Sam Raimi l'ha realizzato come se fosse un piccolo film indipendente. E anche quello era prima che molta della tecnologia fosse a posto, e i film sui fumetti erano abbastanza nuovi, quindi era eccitante. Non c'erano numeri, non arrivava agli esperti. Ora l'industria è cresciuta da sola. Ti diverti con alcune delle cose che devi fare perché ci sono un sacco di accessori, con riprese mozzafiato e cose di questo genere; è divertente ma molte cose sono esagerate. Spendono molti soldi per i set ma sono troppo rumorosi, turbolenti. [ride] Non voglio mordere la mano che mi nutre ma sul serio, non sono film con cui di solito mi ritrovo".

Poi un commento su James Wan:"Mi piace James Wan, credo sia un bravo regista ed è stato un po' sorprendente che potesse fare tutte queste grandi cose e parlare anche con gli attori. Con questi film la sceneggiatura per cui firmi non è più la sceneggiatura che è stata creata".
Non poteva mancare una riflessione generale:"I film sono cambiati così tanto, anche nel periodo in cui ho lavorato io, nella cultura e in come guardiamo i film. Sono una persona lungimirante ma sono vecchio stile: nulla batte una stanza buia con un gruppo di estranei che guardano una luce su uno schermo e fanno esperienza".
Ecco le preoccupazioni:"Quello che mi preoccupa è che i grandi film hanno bisogno di qualcosa per poterli sfamare. Hanno bisogno di un'impennata e hanno bisogno di persone che che spingano i confini per poter andare avanti. Perché non sono in procinto di andare avanti. Sono nel business, possono fare cose fantastiche e che funzionano in tutto. Pochissimi altri Paesi hanno queste risorse per fare queste cose spettacolari. E hanno scelto un sorta di Joseph Campbell in corso, sono i nostri dei moderni" ha concluso Dafoe.
Willem Dafoe è nel cast di Nightmare Alley ed è stato proposto come candidato agli Oscar per The Lighthouse da A24.

Quanto è interessante?
6