Lolo - Giù le mani da mia madre, Julie Delpy da musa di Linklater a regista sopraffina

Lolo - Giù le mani da mia madre, Julie Delpy da musa di Linklater a regista sopraffina
di

Questa sera IRIS trasmetterà alle 21:00, Lolo - Giù le mani da mia madre, si tratta del settimo film scritto e diretto da Julie Delpy, attrice francese che in Italia abbiamo imparato a conoscere ed apprezzare dopo il successo della Before Trilogy diretta Richard Linklater; qui divide lo schermo con l'idolo francese Dany Boon.

Nonostante non venga mai ricordato abbastanza, Julie Delpy oltre ad essere la protagonista di film indimenticabili come i tre appartenenti alla Before Trilogy di Richard Linklater usciti nel corso di quasi vent'anni (parliamo nell'ordine di Before Sunrise, Before Sunset e Before Midnight), e dell'altra trilogia cult, quella di Tre colori (dove appare in tutti e tre i film) di Krzysztof Kieślowski, è anche una stimata regista che nel corso della sua carriera ha diretto ben otto film, l'ultimo dei quali My Zoe uscito lo scorso anno (in Italia è purtroppo ancora inedito).

Privilegiando il territorio della commedia di costume, nei suoi film la Delpy indaga il mondo delle relazioni sentimentali anticonvenzionali come nel dittico 2 giorni a Parigi e 2 giorni a New York, salvo sconfinare anche nel ritratto storico e nel drammatico con film come La contessa (2009) o appunto l'ultimo My Zoe, dove è il thriller a farla da padrone.

In Lolo - Giù le mani da mia madre, si cuce addosso il personaggio di una madre single pronta ad affrontare nuovamente il turbinoso mondo delle relazioni e rimettersi quindi in gioco, ma il figlio ventenne le darà del filo da torcere mettendo sotto torchio i vari pretendenti della madre. Nel ruolo del più tenace di questi troviamo Dany Boon, idolo in Francia dopo il successo planetario della commedia Giù al nord.

Quanto è interessante?
1