Hugh Jackman sulla continuity di Logan: "è un universo leggermente differente"

di

Possono piacere, ma è innegabile che la continuity dell'Universo degli X-Men al cinema sia incasinata. Dopo i numerosi errori della timeline, tutto sembrava 'aggiustato' grazie al finale di X-Men - Giorni di un futuro passato.

Ma cosi non sembra. Perché c'è la continuity principale, in cui giocano i film di Bryan Singer (esempio: X-Men: Apocalisse), ma poi c'è anche quella di Deadpool che sembra differente, e ora anche quella televisiva (Legion) che dovrebbe essere scollegata. Ma ora possiamo aggiungerci anche Logan, visto che le ultime parole di Hugh Jackman sulla continuity della pellicola sono piuttosto 'ambigue'.

"Logan sarà differente dagli altri, quando lo vedrete capirete. Non solo nel tono e nella timeline, ma sarà anche un universo leggermente differente da quello degli altri film" ha spiegato.

"Ho detto che sarebbe stato il mio ultimo e loro mi hanno detto di fare quello che volevo. Cosi con James Mangold abbiamo avuto carta bianca, volevamo realizzare qualcosa di diverso. Soprattutto a livello di tono. Continuavo a pensare a The Wrestler, a Gli Spietati" continua "E' una pellicola davvero stand-alone. Non è legato alle altre timeline o storie degli altri film. C'è Patrick Stewart, ovviamente, quindi c'è una sorta di crossover, ma è qualcosa di differente. Seguire una timeline, diventa come giocare a scacchi. Non aiuta a raccontare una storia. Non sono critico, ovviamente: X-Men è stato il mio primo film tratto da fumetti, nessuno credeva ne avremmo fatti altri e con registi sempre differenti".

FONTE: DS
Quanto è interessante?
0