La release cinese di Wonder Woman 1984 a rischio. Il problema sarebbe la Guerra Fredda

La release cinese di Wonder Woman 1984 a rischio. Il problema sarebbe la Guerra Fredda
di

È tra i cinecomic più attesi del prossimo anno, Wonder Woman 1984, sequel di Wonder Woman del 2017, ma il film di Patty Jenkins con protagonista Gal Gadot nei ritrovati panni di Diana di Themyscira potrebbe non godere della stessa accoglienza di Aquaman in territorio cinese, e questo per un particolare elemento.

Stando infatti a un report di Gavin Fang, il cinecomic targato Warner Bros e DC Films potrebbe addirittura non essere distribuito in Cina, che è uno dei più grandi mercati al mondo che genere soprattutto ultimamente profitti importanti, capaci persino di ribaltare le sorti di un flop in patria.

Il problema reale sarebbe la guerra commerciale in atto sin dall'insediamento di Donald Trump alla Casa Bianca, a colpi di dazi e tassazioni. Quello invece relativo al fin in sé riguarderebbe l'ambientazione di Wonder Woman 1984 durante la Guerra Fredda, motivo che ha già portato l'organo censorio cinese a non distribuire Il Primo Uomo di Damien Chazelle, che ha infatti risentito molto in termine di profitti di questa mancata distribuzione.

Come già anticipato, la Warner Bros. ha fissato la sua data di uscita al 5 giugno 2020. Questa mossa era piuttosto prevedibile negli ultimi tempi visto che un altro cinefumetto della DC, Joker, uscirà ad ottobre 2019. Nella sua release originale avrebbe combattuto contro Kingsman 3, Sonic, Terminator 6 e Frozen 2, sicuramente dei film molto 'competitivi'.

Nella sua nuova data di uscita di giugno 2020 dovrà vedersela con Maleficent 2 e Godzilla vs. Kong, che escono la settimana prima, e successivamente con Top Gun: Maverick e un nuovo film della Pixar.

In Wonder Woman 1984, oltre alla Gadot e a Chris Pine, vedremo anche le new entry nel cast di Pedro Pascal e Kristen Wiig. Non ci resta che aspettare l’estate del 2020 e vedere cosa la Warner/DC ha in serbo per i propri fan.

Quanto è interessante?
3