L'isola dei cani, Bill Murray sul film: "Ci siamo trasformati in cani per Wes Anderson"

di

Bill Murray è sicuramente uno degli attori più talentuosi della sua generazione, interprete di cult indiscussi come Ghostbusters e Ricomincio da capo, ma la sua collaborazione con Wes Anderson è una delle più prolifiche in assoluto nella sua carriera.

In uscita il prossimo maggio, L’isola dei cani – nuovo film in animazione stop-motion firmato dal regista texano – segna la loro ottava collaborazione in carriera, che è sicuramente destinata a continuare. Murray, in una recente intervista, ha parlato del processo di registrazione delle voci proprio per quest’ultimo film, già premiato a Berlino con l’Orso d’Argento per la regia: “È stato un po’ come quando si conversa in un ascensore su quello che faremo questo pomeriggio o roba simile. Vedrete sullo schermo questa sorte di contorta interpretazione canina. Più registravamo insieme e più ci trasformavamo in cani. C’è voluto un po’ ed è stato divertente da guardare, anche un po’ folle, e credo che Wes si sia divertito tantissimo a vederci recitare in quel modo, a immaginarci come cani”.

L’attore ha poi ricordato il processo di riprese di Moonrise Kingdom, quando era obbligato a indossare dei lunghissimi calzini per proteggersi dalle zecche della “folle ma bellissima” spiaggia di Rhode Island. ma ogni giorno si concludeva con una grande cena.

Dopo l'importante collaborazione in Grand Budapest Hotel, Scott Rudin, Steven Rales e Jeremy Dawson tornano a produrre insieme con lo stesso Wes Anderson. La sceneggiatura è stata scritta da Wes Anderson su un soggetto dello stesso Anderson, scritto con Roman Coppola, Jason Schwartzman e Kunichi Nomura.

Fox Searchlight distribuirà il film, in collaborazione con Indian Paintbrush. Per Wes Anderson si tratta del nono film in carriera, a quattro anni di distanza dal suo ultimo lungometraggio, Grand Budapest Hotel.

In carriera, Anderson ha sinora ottenuto sei nomination ai Premi Oscar, per I Tenenbaum, per Fantastic Mr. Fox, per Moonrise Kingdom - Una fuga d'amore e tre per Grand Budapest Hotel, grazie al quale ha vinto l'Orso d'argento per il miglior regista e il gran premio della giuria al Festival di Berlino, oltre ad un BAFTA, un David di Donatello e un Golden Globe.

L’isola dei cani, che approderà nelle sale il 17 maggio 2018, è valso al regista l’Orso d’Argento alla miglior regia.

Sinossi: L'isola dei cani racconta la storia di Atari Kobayashi, un ragazzino dodicenne che nel 2037 parte per l'isola dei cani, luogo pieno di rifiuti dove vengono messi in quarantena. Atari è alla ricerca del suo cane Spots e per riuscire in questa missione riceverà l'aiuto degli altri cani dell'isola che cercheranno di proteggerlo dalle autorità, intenzionate a riportarlo indietro.

Quanto è interessante?
4