Marvel

Per Kareem Abdul-Jabbar Scorsese non ha torto sui film Marvel

Per Kareem Abdul-Jabbar Scorsese non ha torto sui film Marvel
di

Non accenna ancora a fermarsi l'onda lunga generata dalle dichiarazioni di Martin Scorsese sui film del Marvel Cinematic Universe, che hanno causato una pioggia di risposte piuttosto piccate da esponenti del mondo del cinema direttamente coinvolti o meno nel progetto partito nel lontano 2008.

Nonostante la generale disapprovazione, però, qualcuno sembra non aver giudicato in maniera così negativa l'opinione espressa dal regista di Taxi Driver: secondo l'ex-cestista (nonché autore di alcuni fumetti) Kareem Abdul-Jabbar, ad esempio, Scorsese non avrebbe fatto altro che ribadire l'ovvio senza quindi offendere in alcun modo i prodotti Marvel.

"Scorsese non è stato offensivo nei confronti dei film Marvel più di quanto sia offensivo chi fa una distinzione tra l'arte alta che vediamo nei musei e quella di tutti i giorni che vediamo sulla t-shirt o nei tatuaggi. Scorsese ha ribadito l'ovvio: il Cristo nella Tempesta sul Mare di Galilea di Rembrandt non sarà mai pari ai Cani che Giocano a Poker di Coolidge, non importa quanto quei cani ci facciano sorridere. Allo stesso modo, Lo Squalo di Peter Benchley non eguaglierà mai la magnificenza del Moby Dick di Melville, nonostante tutte le copie vendute. Captain America non sarà mai James Baldwin" ha spiegato Abdul-Jabbar.

Una difesa delle intenzioni di Scorsese che probabilmente non troverà d'accordo molti dei protagonisti dell'MCU: nelle scorse settimane, ad esempio, prima Robert Downey Jr. e poi Karen Gillian erano scesi in campo per rispondere alle dichiarazioni del regista.

FONTE: Comicbook
Quanto è interessante?
6