Justice League, Zack Snyder ringrazia i fan: "Non sapete cosa significhi per me"

di

Si è abbattuta sui fan e sull'Universo Espanso DC come un fulmine a ciel sereno la notizia dell'abbandono alla regia di Justice League di Zack Snyder a causa del suicidio della figlia Autumn, di soli 20 anni.

Il regista ha cercato di continuare a lavorare al film, ma in una situazione famigliare difficoltosa ha deciso di passare il testimone a Joss Whedon e ritirarsi a tempo indeterminato per il bene dei propri figli e della moglie produttrice Deborah (ritiratasi anch'essa). Whedon adesso scriverà e dirigerà solo le scene aggiuntive del cinecomic, che manterrà quindi il taglio di Snyder.

Molti sono stati via Twitter i commenti di solidarietà di amici e colleghi (anche della Marvel), uniti attorno al cineasta nel dolore causato da una perdita così grave. E dopo giorni di comprensibile silenzio, Snyder è intervenuto in queste ultime ore via social per ringraziare tutti coloro che hanno espresso affetto e comprensione, scrivendo: «Grazie per lo sfogo di supporto. Non riesco nemmeno a esprimere quanto questo possa significare per Debbie, me e la madre di Autumn, Denise, in questo momento così difficile».

Un minuto dopo il tweet di ringraziamento, inoltre, il regista ha anche postato un link di un'associazione nata proprio come mezzo di prevenzione per i suicidi e di sfogo sulla sanità emotiva personale: «Per un supporto e aiuto, per favore rivolgetevi a centri come JEDfoundation, che svolgono un ottimo lavoro».

Quanto è interessante?
7