Justice League: Fabian Wagner non fu coinvolto nelle riprese aggiuntive di Whedon

Justice League: Fabian Wagner non fu coinvolto nelle riprese aggiuntive di Whedon
di

Nel corso delle ultime ore non si è accennato a smettere di dialogare sulle differenze di base che hanno la Justice League di Joss Whedon, quella uscita al cinema, e la Snyder Cut approdata il mese scorso su HBO Max. L'ultimo a dire la sua è stato il direttore della fotografia Fabian Wagner il quale pare non fu coinvolto nelle riprese aggiuntive.

Dopo aver evidenziato tutti i pregi dell'amico e regista, compreso l'amore di Zack Snyder per la slow-motion, Fabian Wagner ha anche ribadito la sua completa estraneità alla versione cinematografica di Justice League, quella completata da Joss Whedon su ordine della Warner Bros. A quanto pare Wagner non partecipò all'epoca per le riprese aggiuntive del film. Stando a quanto dichiarato su IndieWire, il direttore della fotografia venne effettivamente richiamato dalla produzione, ma a causa degli impegni su un altro progetto dovette declinare l'offerta.

"Non sono sicuro al 100% ma credo che la maggior parte del lavoro fu finito dalla seconda unità. Io stavo girando un film nello stesso complesso dove loro stavano girando le riprese aggiuntive, quindi sono passato dal set solo una volta, il che è stata una strana esperienza. Era tutto diverso da quello che stavamo facendo con Zack, quindi non mi sono trattenuto molto".

Wagner ha proseguito: "Ovviamente sapevo anche per quanti giorni avrebbero rigirato, quindi quello mi aveva acceso un altro campanello d'allarme. Perché pensi: 'Caspita, sono parecchi giorni! In che modo potrebbe funzionare?'".

Wagner ha anche spiegato perché sta parlando solo ora di quello che ha visto: "Perché all'epoca non avevo ancora visto il film, parlavo di come lo avevamo girato noi senza aver visto la versione finale, è stato strano. E' stata un'esperienza devastante".

FONTE: IndieWire
Quanto è interessante?
2