Dopo Justice League, Chris Terrio pensava di non voler più lavorare a dei franchise

Dopo Justice League, Chris Terrio pensava di non voler più lavorare a dei franchise
di

Sappiamo che Chris Terrio ha co-scritto insieme a J.J. Abrams il nuovo e attesissimo Star Wars: L'ascesa di Skywalker, capitolo conclusivo della saga, ma a quanto pare dopo il fallimentare Justice League della DC Films lo sceneggiatore di Argo credeva fermamente di aver definitivamente concluso con i franchise.

Proprio per Justice League, infatti, Terrio è stato anche premiato con il Razzie Award per la peggior sceneggiatura del 2017, che per quanto ironico a spinto l'autore a riflettere molto sul prosieguo della sua esperienza all'interno dei progetti in franchising. Questo almeno fino al suo coinvolgimento ne L'ascesa di Skywalker, che ha ammesso essere stata una sorpresa anche per lui.

Dice Terrio in un'intervista con Rolling Stone: "Non avrei mai pensato di lavorare in un altro film in franchising. E infatti quando J.J. Abrams mi ha assunto per un piccolo thriller politico, cosa che ero tornato a scrivere e da dove è iniziata la mia carriera. Poi è arrivato Star Wars, un modo di lavorare molto diverso. È stato un progetto estremamente collaborativo ed è un merito per i produttori, penso, che tutti quanti stessero girando lo stesso film, senza contrasti. Non è una cosa facile, per un progetto di questo dimensioni. A volte lo studio vuole fare un film, il produttore vuole farne un altro, il regista pure e persino lo scrittore. Ne L'ascesa di Skywalker ho avuto invece un'esperienza molto simile a quella di Argo, dove eravamo tutti d'accordo. Ci siamo angustiati per ogni decisione, ma è stato un processo felice".

Terrio ha poi aggiunto che il processo di stesura della sceneggiatura del film è stato molto intimo, simile a un piccolo film basato sui personaggi, tanto da far sembrare lo sviluppo del progetto molto meno grande di quanto ci si potesse aspettare: "So che non sembra plausibile, ma il circolo creativo è stato molto piccolo. Avevo quasi la sensazione che stessimo girando un film indipendente, il che è folle, pensando all'esposizione mondiale di Star Wars. Un progetto che mi ha davvero rinvigorito, perché so che non è facile realizzare un film su larga scala e farlo in questo modo è stato molto stimolante".

Il film uscirà nelle sale il prossimo 18 dicembre. Per ulteriori approfondimenti, vi lasciamo al nuovo speciale dedicato a Star Wars: L'ascesa di Skywalker e alla nostra intervista a Chewbecca.

Quanto è interessante?
2