Jonah Hill soffre di attacchi d'ansia e annuncia una pausa: la lunga lettera

Jonah Hill soffre di attacchi d'ansia e annuncia una pausa: la lunga lettera
di

Sicuramente le conseguenze degli ultimi anni si sono fatte sentire molto più gravi sulle persone comuni, ma anche gli attori tengono alla loro salute mentale, soprattutto se costantemente messa a rischio dai riflettori. In molti hanno annunciato pause di vario genere, dalla recitazione ai social. Ora tocca a Jonah Hill con una lunga lettera.

Apprendiamo la decisione di Jonah Hill in concomitanza con l’annuncio di un suo nuovo progetto documentario, girato in segreto sotto il titolo di Stutz, per cui ha prestato come regista e protagonista. Il nome del docu viene da quello del suo terapeuta e mette in scena discussioni sulla salute mentale generale, un argomento che tocca da vicino Hill alla luce delle recenti dichiarazioni. L’attore non lascerà la recitazione, ma si prenderà una pausa a tempo indeterminato dai riflettori, abbandonando i tour promozionali del progetto di cui è, di fatto, principale promotore, nonché degli altri in cui lo vedremo prossimamente, anche su Netflix.

Questa la lunga lettera in cui spiega le ragioni dietro questa decisione: "Ho finito di dirigere il mio secondo film, un documentario su di me e il mio terapeuta che esplora la salute mentale in generale chiamato Stutz. L'intero scopo della realizzazione di questo film è fornire gli strumenti che ho imparato in terapia a un vasto pubblico per uso privato attraverso un film leggero e spiritoso. Attraverso questo viaggio alla scoperta di me stesso all'interno del film, sono giunto alla conclusione che ho passato quasi 20 anni a sperimentare attacchi di ansia, che sono esacerbati dalle apparizioni sui media e dagli eventi di fronte al pubblico”.

Continua la lettera: “Sono così grato che il film sarà presentato in anteprima mondiale in un prestigioso festival cinematografico questo autunno e non vedo l'ora di condividerlo con il pubblico di tutto il mondo nella speranza che possa aiutare coloro che stanno lottando. Tuttavia, non mi vedrete là fuori a promuovere questo film, o nessuno dei miei prossimi film, mentre faccio questo importante passo per proteggermi. Se mi ammalassi andando là fuori e promuovendolo, non sarei fedele a me stesso o al film”.

Conclude poi: “Di solito rabbrividisco a lettere o affermazioni come questa, ma capisco di essere uno dei pochi privilegiati che possono permettersi di prendersi una pausa. Non perderò il lavoro mentre lavoro sulla mia ansia. Con questa lettera e con Stutz, spero di rendere più normale per le persone parlare e agire su queste cose. Così possono fare dei passi per sentirsi meglio e in modo chi le circonda nelle loro vite possa capire i loro problemi più chiaramente. Spero che il lavoro parli da sé e sono grato ai miei collaboratori, ai miei partner commerciali e a tutti coloro che stanno leggendo, per la comprensione e il supporto”.

Si attendevano aggiornamenti sul ruolo protagonista di Jonah Hill nel nuovo film di Martin Scorsese sui Grateful Dead, visto che Killers of the Flower Moon ha accumulato ritardi e che già un nuovo progetto, forse prioritario, compare sulla scrivania del regista: il dramma storico The Wager con Leonardo DiCaprio.

FONTE: Deadline
Quanto è interessante?
4