Joaquin Phoenix: 'Joker è un film sul potere della gentilezza'

Joaquin Phoenix: 'Joker è un film sul potere della gentilezza'
di

Sul messaggio che Todd Philips ha voluto trasmettere con il suo Joker si è detto di tutto, il più delle volte con toni abbastanza allarmisti: film violento, film che avrebbe ispirato pericolosissimi atti di emulazione, film contro i potenti. Il protagonista Joaquin Phoenix, però, è arrivato ad un'altra conclusione.

L'attore si è infatti detto particolarmente contento del modo in cui il film e il suo protagonista siano arrivati a certe persone, in particolare coloro che hanno avuto in maniera diretta o meno esperienze con problematiche di tipo mentale.

"Non è stato tanto il box office, quanto il messaggio recepito ad essere soddisfacente. Ho ricevuto e-mail di gente che mi ha raccontato di riuscire adesso a guardare con occhi diversi la sorella affetta da schizofrenia. In fin dei conti questo è un film sul potere della gentilezza e sulla mancanza di empatia nel mondo, e gli spettatori sembrano averlo recepito. Un film che, per come l'avevano messa, avrebbe dovuto inspirare omicidi di massa ha invece soltanto spinto un po' di persone a ballare su una scalinata. Penso che ciò dica molto più di tante altre cose sui tempi in cui viviamo" ha spiegato Phoenix.

L'interprete di Arthur Fleck ha ricevuto i complimenti anche di un suo collega che di Joker ne sa qualcosa: si tratta di Cameron Monaghan, volto della nemesi di Batman nella serie Gotham. Pare, inoltre, che addirittura il presidente degli Stati Uniti Donald Trump abbia apprezzato il film di Todd Philips.

Quanto è interessante?
4