Star Wars

JJ Abrams, quale futuro dopo Star Wars? La risposta tra commedie e Steven Spielberg

JJ Abrams, quale futuro dopo Star Wars? La risposta tra commedie e Steven Spielberg
di

Nel corso di una nuova intervista, il regista e sceneggiatore JJ Abrams ha parlato di cosa gli riserva il futuro dopo l'uscita di Star Wars: Episode IX - The Rise of Skywalker, quello che è stato pubblicizzato dalla Lucasfilm come l'ultimo capitolo della saga degli Skywalker.

Dopo aver preso le redini di altri due iconici franchise cinematografici - Mission: Impossible e Star Trek, entrambi prodotti per la Paramount - il regista 53enne tenterà di unirsi al club di registi, composto dai Russo Brothers (Avengers: Infinity War e Avengers: Endgame) e James Cameron (Titanic e Avatar) in grado di dirigere ben due film da due miliardi di dollari (il primo, per Abrams, è stato Il Risveglio della Forza, ancora oggi il quarto maggior incasso nella storia del cinema). Finora, i film di Abrams come regista hanno incassato $3,57 miliardi in tutto il mondo.

Ma cosa gli riserva il futuro?

"Non ho assolutamente alcuna strategia per i progetti a cui lavorerò oltre a quello che mi interessa al momento" ha dichiarato Abrams. "Quando ho avuto gli anni di pausa tra il film di Star Wars che ho diretto, ho scritto un paio di progetti, e sono diventati piloti per serie tv. Non avevo pensato che avrei scritto due piloti. Mi sono ritrovato a scrivere queste cose. Ma ci sono un paio di idee su cui sto lavorando e sarebbe bello poterle realizzare. Unico indizio, non ci sono astronavi."

Sulla possibilità di seguire le orme del suo maestro Steven Spielberg anche nei film impegnati, come The Post o Lincoln, il regista ha affermato:

"Beh, ovviamente Steven è in una categoria a parte. Ma dirò che quelle sono esattamente i tipi di storie che mi piacciono. Philadelphia Story è il mio film preferito. Era una commedia. Gli attori che parlano in una stanza sono i migliori. In effetti, in Rise of Skywalker, la cosa che amo di questo film - nonostante sia davvero orgoglioso di alcune sequenze che penso siano visivamente piuttosto interessanti - sono i momenti in cui i personaggi parlano, di solito due persone in uno spazio ristretto, per confrontarsi, sfidarsi, rivelarsi le cose l'un l'altro. Mi piacerebbe dirigere una commedia. Jerry Maguire - il suo umorismo e il suo fascino e la sua risonanza emotiva sono qualcosa che mi interessa tanto quanto qualsiasi cosa. Per me, i più grandi effetti speciali sono gli occhi di Daisy Ridley, o quello che portano John Boyega o Oscar Isaac o Adam Driver. Questi sono i momenti che per me sono i più commoventi."

Abrams ha continuato:

"Immagino che la risposta alla domanda sia che non è lo spettacolo che mi interessa. È lo scopo più grande; è la storia più grande. E così se la prossima storia che finirò per dirigere sembra avere uno spettacolo, non sarà perché ha uno spettacolo. Sarà perché fa parte di ciò che la storia richiede. Mi piacerebbe fare qualcosa che sia un film molto più intimo. Adoro gli effetti visivi, ma non sono la forza trainante di tutto. Forse c'è una storia in cui gli effetti visivi sono più invisibili. Quando guardi qualcosa come The Irishman o Once Upon a Time in Hollywood, queste sono storie in cui, sì, potresti dover impegnare del tempo per studiare il processo di invecchiamento o come ricreare la Los Angeles degli anni '60. Ma il fatto è che quelle sono storie in cui gli effetti visivi sono al di là del punto. Mi piacerebbe fare un film - raccontare una storia - dove ci sono 1.000 riprese di effetti visivi, ma alle quali nessuno fa caso per quanto la storia riesce a catturarti."

Recentemente Abrams ha firmato un accordo da $500 milioni di dollari con Warner Media tramite la sua società di produzione Bad Robot, e le voci lo vogliono come prossimo regista di un film di Superman. Staremo a vedere.

FONTE: Variety
Quanto è interessante?
4