Jeremy Renner racconta come e quando si è rotto entrambe le braccia

di

Finalmente sapremo come Jeremy Renner si sia rotto entrambi gli arti superiori e sarà lui stesso a dircelo, visto che ha rilasciato una dichiarazione al riguardo, durante un'intervista recente.

L'attore, parlando con Entertainment Weekly ha detto che c'erano 20-30 sedie impilate alte 20 piedi sul set di Tag, dove si è ferito, e le sue braccia si sono rotte dopo essere caduto perché il sostegno si è rotto.

"E io mi sono rotto insieme a lui perché cadendo mi sono spezzato le braccia, anche se all'inizio non ho sentito molto dolore."

Infatti poi ha ripetuto la scena.

"E poi ho capito che qualcosa non andava e sono andato in ospedale, dove mi hanno detto che erano rotte. Così, tutto ingessato, sono tornato a lavoro e ho fatto tutto quello che dovevo fare. Certo non potevo ruotare le mani ma potevo muovere le braccia su e giù come un robot, insomma facevo tutto quello che non mi provocasse male, praticamente."

Poi, continuando a parlare delle riprese, Renner ha anche detto che in un'occasione è stato necessario l'ausilio del CGI perché lui non voleva rimuovere il gesso troppo presto rischiando di compromettere la guarigione:

"Sono tornato a lavoro quel giorno e mi hanno coperto le braccia con delle specie di maniche pulite sopra le mie braccia perché non volevo togliere il gesso poco dopo essermi rotto le ossa, volevo che si aggiustassero come si deve quindi sì, in quel caso mi hanno messo addosso un po' di computer grafica ma poi tutto il resto è andato bene."

Riguardo l'incidente, l'attore ha detto che la parte peggiore è stata non poter prendere in braccio la figlia:

"Quando non potevo prenderla in braccio stavo proprio male, ero arrabbiato. Poi però, quando ho potuto, è stato curativo e, anche se non ero al massimo della forza, mi è venuta voglia di fare di nuovo esercizio e rimettermi in sesto."

Tag arriva il 15 giugno in USA:

Quanto è interessante?
4