Jane Fonda sul Black Lives Matter: "Anche il più povero tra i bianchi è privilegiato"

Jane Fonda sul Black Lives Matter: 'Anche il più povero tra i bianchi è privilegiato'
di

Reduce da oltre 50 anni di attivismo per cause sociali e ambientati, Jane Fonda ha commentato la morte di George Floyd e le conseguenti proteste del movimento Black Lives Matter in una recente intervista con Don Lemon, a CNN Tonight.

"Se siamo bianchi, abbiamo avuto dei privilegi. Anche il più povero di noi ha avuto qualche privilegio. Dobbiamo riconoscerlo, e dobbiamo capire cosa tiene vivo il razzismo ancora oggi, come le politiche bancarie e ipotecarie e il redlining" ha detto l'attrice ai microfoni del network. Il redlining, per chi non lo sapesse, è una pratica che consiste nel negare servizi a determinate comunità o a residente di quartieri specifici.

Seguendo l'esempio di Robert De Niro, che è tornato di recente ad attaccare Donald Trump per il modo in cui ha gestito l'emergenza Coronavirus, l'attrice ha criticato duramente l'operato del presidente USA: "Dalla sua elezione il razzismo si è manifestato sotto gli occhi di tutti. Era sempre rimasto lì, ma si è palesato in una nuova forma, incoraggiato da questa amministrazione". Potete trovare un estratto dell'intervista in calce all'articolo.

Insieme a Brie Larson e Natalie Portman, Jane Fonda è tra le tante star del mondo dello spettacolo che hanno associato il loro nome ad una petizione lanciata per tagliare i fondi della polizia americana, nata nei giorni scorsi in seguito alle proteste.

Quanto è interessante?
4