James Gunn contro Sean Bean sui coordinatori d'intimità: "I migliori, grato che ci siano"

James Gunn contro Sean Bean sui coordinatori d'intimità: 'I migliori, grato che ci siano'
di

Da qualche giorno, l'attore Sean Bean (Game of Thrones) si trova in una bufera di polemiche dopo essersi fatto avanti come detrattore della nuova figura dei coordinatori dell'intimità da poco introdotta sui set. Secondo lui toglierebbero "spontenaità alle scene". Ma per James Gunn invece: "Il migliore fra i nuovi mestieri".

Posizione recentissima, effettivamente, quella del coordinatore dell’intimità: una figura chiamata appositamente sui set per supervisionare le scene più intime e problematiche, assicurandosi che ogni gesto riportato sul copione venga rispettato e che tutti i presenti possano sentirsi a proprio agio. Una misura inserita nelle produzioni proprio per evitare scandali e denunce da parte delle attrici, perlopiù di sesso femminile. Di recente, il termine era balzato alle cronache dopo il licenziamento di Frank Langella da The Fall of the House of Usher, deciso proprio in seguito (fra le altre cose) a una segnalazione del coordinatore dell’intimità.

Di recente, sulla questione è intervenuto anche Sean Bean, che si è detto contrario (con parole simili a quelle di Langella) chiamando in causa la spontaneità necessaria alla recitazione di certe scene. All’attore hanno risposto varie attrici: in particolare, Amanda Seyfried dovette girare nuda a 19 anni e ora rivela di essersi sentita notevoli “pressioni” addosso, soprattutto a causa di perdere il lavoro in così giovane età. Ci fossero stati al tempo dei coordinatori d’intimità, conclude la Seyfried, si sarebbe sentita molto più al sicuro.

È più o meno con queste parole che si è espresso anche James Gunn, lui che di set sta facendo esperienza ininterrotta negli ultimi anni: al momento sta girando Guardiani della Galassia 3 che è già il suo preferito, in tutta la sua carriera; mentre ha un inizio riprese Peacemaker 2. Il regista si è rivolto a twitter, senza fare specifico riferimento a Bean ma chiaramente riferendosi alle sue parole. Gunn ha voluto condividere il suo parere di esperto nel tweet che segue e che trovate anche in calce all’articolo.

"Di tutte le nuove posizioni nell'industria cinematografica, quella per cui sono più grato sono i coordinatori dell'intimità. Se stanno facendo bene il loro lavoro – e lo hanno fatto tutti quelli con cui ho lavorato – si assicurano semplicemente che tutti siano d'accordo, il regista e tutti gli attori coinvolti. Secondo la mia esperienza, consentono agli attori di sentirsi PIÙ liberi, non di meno, perché tutti arrivano a rendersi conto quali sono e non sono i confini. E sono consapevoli esattamente di ciò che il regista sta cercando. Non sono diversi dagli coordinatori degli stunt".

Voi che ne pensate delle parole di Gunn? Ditecelo nei commenti!

Quanto è interessante?
3