James Dean torna a recitare: sarà ricreato in CGI per Finding Jack

James Dean torna a recitare: sarà ricreato in CGI per Finding Jack
INFORMAZIONI FILM
di

Non siamo certamente noi a scoprire gli enormi passi avanti fatti negli ultimi anni nel settore della CGI: gli effetti digitali utilizzati in campo cinematografico aumentano di qualità anno dopo anno, ma ciò che potremmo vedere sul grande schermo tra qualche mese va probabilmente oltre ogni immaginazione.

Certo, qualcosa in realtà l'avevamo anticipato: poco tempo fa, in occasione dell'uscita di Gemini Man, vi avevamo infatti parlato della possibilità non troppo remota di vedere i grandi attori del passato recitare in produzioni contemporanee grazie all'ausilio della CGI. Non pensavamo, però, che tutto ciò potesse avverarsi così presto!

È delle ultime ore, infatti, la notizia secondo la quale James Dean farà parte del cast di Finding Jack, film sul Vietnam in uscita probabilmente nel 2020. Il volto della star di Gioventù Bruciata, deceduta ben sessantaquattro anni fa, verrà quindi ricreato in digitale con il beneplacito della famiglia e della società che ne detiene i diritti d'immagine.

"Abbiamo cercato in lungo e in largo un volto per il personaggio di Rogan, che ha alcune caratteristiche estremamente complesse, e dopo mesi di ricerche abbiamo optato per James Dean. Siamo onorati del fatto che la famiglia abbia deciso di supportare la nostra idea, e faremo tutto ciò che possiamo perché l'eredità di una delle più grandi star di sempre resti intatta. La sua famiglia considera questo il suo quarto film, il film che non ha mai potuto fare. Non abbiamo alcuna intenzione di deludere i suoi fan" ha spiegato il produttore Anton Ernst, che insieme a Tati Golykh sarà anche regista del film.

Una notizia decisamente inaspettata che sembra fare a pugni con lo scetticismo di registi come Martin Scorsese, che per il suo The Irishman aveva lamentato un'eccessiva plasticosità dei volti ringiovaniti in digitale. Riuscirà la CGI a rendere credibile il James Dean redivivo?

FONTE: TheWrap
Quanto è interessante?
1