Item 47: intervista a Jesse Bradford e Maximiliano Hernandez

di

Item 47 è il titolo del nuovo cortometraggio dei Marvel Studios che sarà contenuto nell'edizione home video di The Avengers. Ambientato dopo gli eventi narrati nel film di Joss Whedon, il cortometraggio vedrà una giovane coppia di innamorati venire in possesso di un'arma dei Chitauri ed iniziare a commettere dei crimini con essa, costringendo lo S.H.I.E.L.D. a mettersi sulle loro tracce. Ora il sito Superherohype ha avuto la possibilità di intervistare due dei protagonisti del corto: Jesse Bradford (Benny) e Maximiliano Hernandez (l'agente Jasper Sitwell).

Vi riportiamo i punti salienti dell'intervista qui di seguito.

Dove è iniziata quest'avventura di "Item 47" per voi?

Maximiliano Hernandez: Vi racconterò la mia storia. Vivevo sotto le scale ed un gufo è venuto a portarmi una lettera. Ma mio zio era cattivo e non mi ha permesso di leggerla. Cosi sono arrivate più lettere e sono riuscito a leggerne una...[ride] No, ero in Thor e poi abbiamo fatto un cortometraggio dal titolo The Consultant che era sul Blu-ray di Thor. Dopo averlo girato, Louis D'Esposito e Brand Winterbaum hanno iniziato a dire ""Crediamo che ne faremo altri. Ci piace l'atmosfera che abbiamo creato con questo cortometraggio. E' un modo per colmare gli spazi vuoti tra i vari film, sapete?"". Poi ho ricevuto una chiamata da Louis e Brad che mi dicevano ""Ehi, ne abbiamo un'altro"". Poi sono scesi nel dettaglio. Come un bambino che spiega la storia del fumetto che ha appena letto. Erano veramente eccitati a riguardo e mi chiesero ""Allora vuoi farlo?"" ed io risposi ""Come posso dire di no? L'avete spiegato come un bimbo a Natale"". Ed è cosi che arrivò Item 47...

Jesse Bradford: Io invece ho ricevuto una chiamata dal mio agente e mi ha offerto il ruolo. Ero davvero eccitato dal fatto che fosse coinvolta la Marvel. L'ha reso un gioco da ragazzi.

Maximiliano è folle vederti seduto qui al di fuori del personaggio di Sitwell. Non sono sicuro nemmeno se ti avrei riconosciuto, la tua personalità è cosi diversa...

Maximiliano Hernandez: Solitamente vado in giro con una barba folta e nessuno mi riconosce, il che è grandioso. Voglio essere solo una persona qualunque. Nessuno mi riconosce mai. Il che è ok.

Jesse, sei stato sorpreso nello scoprire che non eri uno dei personaggi prestabiliti della Marvel?

Jesse Bradford: Ho avuto un momento di dubbio. Il momento più breve mai avuto in cui mi son detto: ""Se lo faccio, entrerò a far parte di quel mondo né come Ant-Man né come chiunque altro dell'universo Marvel"". Ho avuto quel piccolo momento di dubbio ma poi mi son detto: ""Beh, lo farò!"". Perché voglio entrare a far parte di questo mondo. Ora le probabilità che mi siano offerti ruoli come Ant-Man o qualcos'altro sono minime. Mi son detto: ""Si, sarò sul quel lato delle cose"". Per questo mi piacerebbe che diventasse un'agente dello S.H.I.E.L.D. o qualcosa del genere. Soltanto per esser parte di un mondo cosi straordinario cosi veramente dettagliato, è stata questa la mia priorità. Un'uccello in una mano vale più di due sopra un cespuglio, giusto?

Eravate fans dei fumetti Marvel?

Jesse Bradford: Molto, mai mai ossessionato. Mio padre era un grande collezionista di fumetti. Sono cresciuto con i fumetti. Invece di raccontarmi le favole della buonanotte, mi piacerebbe avere dei fumetti da leggere. Anche quand'ero piccolo, sarei scappato via con i fumetti per leggerli. Ma forse perché è stato mio padre ad introdurmi in quel mondo, non mi sono mai attaccato ai fumetti come hanno fatto molte altre persone.

Maximiliano Hernandez: Io sono un grande fan dei fumetti. Leggo fumetti da tanto tempo. Sono ancora abbonato a L'incredibile Hulk. I miei figli non possono leggerli finché non li leggo io. Hulk è sempre stato il mio preferito. Ho incontrato recentemente Stan Lee che, insieme a Jack Kirby, ha creato Jasper Sitwell. Mi ha guardato e gli ho detto: ""Ehi, ciao signor Lee! Cosa stai facendo? Io sono Maximiliano Hernandez. Interpreto Jasper Sitwell"". Ha urlato: "Jasper Sitwell!"". Ho pensato che avrebbe urlato ""Excelsior"" alla fine della frase perché sembrava cosi eccitato. Gli ho detto che mio figlio era un grande appassionato e lui l'ha guardato dicendogli: ""E' Jasper Sitwell Jr.!"". Potete immaginarvi? E' come dire ""ho letto qualsiasi cosa che ha scritto!"" e poi lo incontri. Sono un nerd. Ho un sacco di scatoloni pieni di fumetti con pupazzi e altra roba del genere a casa. Anche i miei figli ce l'hanno. E' bello esser stato in grado di entrare in questo mondo. Voglio dire, far parte veramente dell'universo della Marvel!

E' stato difficile, per te, come fan non vantarsi di quel che stavi facendo mentre realizzavi i film?

Maximiliano Hernandez: Oh mio Dio, non potete capire: è veramente dura. Ma amo le sorprese. Puoi dire alla gente ""sto lavorando ad una cosa per la Marvel"" e puoi rimanere vago su tutto quanto. Ma vedi la loro reazione, rimangono stupiti. Mi piace tutto ciò. E poi mi piace tornare da loro dopo che hanno visto tutto quanto e dirgli ""Eh? Eh?"". Non ho problemi con questa cosa. Quando stavo girando Thor volevo dirlo a tutti e dire a tutti di cosa parlava. Ma ora mi va bene. Ora leggo le sceneggiature e dico ""Oh mio Dio, quando le persone vedranno questo, impazziranno". Sono arrivato a quel livello in cui non parlarne per me va bene. Mi piacciono le sorprese.

E' bello vedere che stanno cercando di formare una sottospecie di sub-Avengers con gli agenti dello S.H.I.E.L.D.. Voi siete pronti per questo lungo percorso?

Maximiliano Hernandez: Speriamo. Anche con noi, sono piuttosto riservati. A loro piace mettere insieme le cose e non parlarne troppo finché non sono pronti a farlo e ti coinvolgono. Siamo all'oscuro di tutto anche noi, molte volte. La gente continua a chiedere ""cosa accadrà dopo?"". Noi non lo sappiamo. Noi arriviamo e facciamo il nostro lavoro. Siamo felici di fare il nostro lavoro. E' un luogo "caldo" in cui lavorare. Sono come una famiglia.

Jesse Bradford: E' un'azienda grandiosa dal punto di vista del lavoro. Rendono facile il venire al lavoro ed essere coinvolti. Quel che è divertente è che sono eccitati quanto lo siamo noi.

Maximiliano Hernandez: Sono tutti fans. E sono veramente come una famiglia. Sono veramente ma veramente molto vicini tra loro.

Che cosa potete dirci del lavorare con Lizzy Caplan?

Jesse Bradford: Lei è folle. E' molto divertente, è furba e arguta. Credo che ci siamo davvero divertiti facendo questo cortometraggio. E' fica.

Maximiliano Hernandez: [...] Lei è molto divertente, davvero intelligente e veloce. Quel che è grandioso è che scherza anche come un uomo. [...]

E' stato accennato durante il Comic-Con che, durante la fase di scrittura, c'era tutto un background per questi nuovi personaggi. Un background che non è finito nella versione finale. Come attore è un qualcosa di cui hai tenuto conto durante la tua performance?

Jesse Bradford: Si, Louis ne ha fatti un mucchio [...] Ci ha detto ""Ecco le pagine che abbiamo scritto riguardo da dove provengono questi personaggi fino al punto dove li incontriamo ora"". Una specie di perché siamo finiti ad essere cosi e qual'era il loro background. [...]

Quant è difficile interpretare un personaggio che il pubblico vedrà come un criminale?

Jesse Bradford: Credo che il loro coinvolgimento criminale è cosi imprudente e casuale, non sono persone che stanno facendo piani e scoprono le armi aliene e le utilizzano. E' una specie di ""abbiamo un'opportunità bizzarra"". Per quanto riguarda i personaggi, Claire, il personaggio di Lizzy, è quella che dice "Non me ne frega nulla, facciamolo!"". Io sono quello che si fa coinvolgere perché è innamorato. Non sono veri criminali cosi è stato facile renderli "amabili".

Maximiliano Hernandez: In cima a tutto ciò c'è Eric Pearson che ha scritto il cortometraggio e ha centrato il tono. Percepisci veramente la disperazione e come volevano avere solo una vita migliore.

Jesse Bradford: Fanno mea culpa alla fine. Sono amabili, sono goffi.

Avete lavorato anche con Titus Welliver.

Maximiliano Hernandez: E' una gran persona.

Jesse Bradford: E forse il più grande nerd di fumetti esistente.

Maximiliano Hernandez: E' il tipo che ti dice ""Questo è nel numero con Psylocke"". Sa tutto. Quest'uomo conosce tutto il mondo dei fumetti dagli anni '70 in poi. E' grandioso [...]

The Avengers

The Avengers
  • Distributore: Walt Disney Studios Motion Pictures International
  • Genere: Comics / Fumetti
  • Regia: Joss Whedon
  • Interpreti: Robert Downey Jr., Chris Evans, Mark Ruffalo, Chris Hemsworth, Scarlett Johansson, Jeremy Renner, Tom Hiddleston, Stellan Skarsgård, Samuel L. Jackson
  • Sceneggiatura: Joss Whedon
  • Sito Ufficiale: Link
  • +

Nelle sale Italiane dal: 25/04/2012

incasso box office: 17.068.921 Euro

Nelle sale USA dal: 04/05/2012

incasso box office: 598.000.000 Euro

che voto dai a The Avengers?

8.5

media su 131 voti

Inserisci il tuo voto