Interstellar, il finale alternativo e altre curiosità sul film di Christopher Nolan

Interstellar, il finale alternativo e altre curiosità sul film di Christopher Nolan
di

Questa sera su Mediaset 20 va in onda Interstellar, la pellicola del 2014 diretta da Christopher Nolan con protagonista Matthew McConaughey che ha diviso gli spettatori in due: chi ha amato la sua unione di scienza e fantascienza e chi invece non ha apprezzato diversi aspetti del film, tra cui la componente sentimentale.

Per l'occasione, abbiamo raccolto per voi tutte le curiosità da non perdere sulla realizzazione del film:

  • Durante un Q&A, lo sceneggiatore Jonathan Nolan ha rivelato che all'inizio aveva pensato ad un finale sconvolgente: il ponte di Einstein-Rosen (detto comunemente Wormhole) sarebbe collassato mentre il protagonista cercava di trasmettere i dati.
  • Il film è basato sugli studi del fisico teorico Kip Thorne, che durante le prime fasi dello sviluppo stilò delle linee guida da seguire rigorosamente: niente avrebbe dovuto violare le leggi fisiche consolidate e tutte le speculazioni sarebbero state basate sulla scienza.
  • È infatti a Thorne che dobbiamo le suggestive rappresentazioni grafiche del wormhole e del buco nero, le quali diedero al fisico lo spunto per la stesura di due saggi scientifici: uno per la comunità di astrofisica e uno per il settore della computer grafica.
  • A causa di un guasto alla sua tuta da astronauta, Anne Hathaway rischiò di andare in ipotermia durante le riprese.
  • In occasione di Interstellar, Thorne vinse una scommessa con Stephen Hawking che riguardava le teoria di astrofisica alla base del film. Come penitenza, Hawking dovette abbonarsi per un anno a Penthouse Magazine.
  • Il progetto entrò in pre-produzione nel 2006 sotto la guida di Steven Spielberg, che un anno dopo ingaggiò Jonathan Nolan per scrivere una sceneggiatura basata sul trattato di Kip Thorne. Dopo anni di stallo, tuttavia, Jonathan suggerì a Warner Bros e Paramount di affidare il film alla regia del fratello Christopher.
  • Nolan fece piantare sul set un campo di mais di ben 500 ettari. Alla fine delle riprese il mais fu venduto e generò un piccolo profitto per la produzione.

Qui potete trovare la nostra recensione di Interstellar. A proposito di Nolan, vi ricordiamo che Tenet ha da poco superato i $150 milioni di incassi.

Quanto è interessante?
7