Iniziate le riprese di Rifkin's Festival, il nuovo film scritto e diretto da Woody Allen

Iniziate le riprese di Rifkin's Festival, il nuovo film scritto e diretto da Woody Allen
INFORMAZIONI FILM
di

Nelle scorse ore si è tenuta una conferenza stampa a San Sebastian, Spagna, durante la quale Woody Allen, in compagnia degli attori Wallace Shawn, Gina Gershon, Elena Anaya e Sergi López, ha annunciato l'inizio delle riprese di Rifkin’s Festival, il suo nuovo film.

Al momento è bene specificare che il titolo in questione è solo provvisorio e potrebbe subire delle modifiche, ma lo stesso discorso non vale per i dettagli sulla trama comunicati dall'autore.

Il film sarà infatti una commedia romantica che avrà per protagonisti Gina Gershon e Christoph Waltz: la storia racconta di una coppia di americani che si reca a San Sebastian per partecipare al festival di cinema locale: i due si innamorano però di altre persone, la donna di un francese interpretato da Louis Garrel, e l’uomo per un personaggio interpretato da Elena Anaya.

Rifkin's Festival è una produzione The Mediapro Studio, società con sede a Barcellona. Le riprese dureranno fino al 23 agosto, un mese esatto prima dell’apertura del vero San Sebastian Film Festival: in via del tutto eccezionale, l’organizzazione del festival ha collaborato con gli scenografi del film per ricreare l’atmosfera della città durante il periodo del festival, come ha spiegato il direttore Jose Luis Rebordinos:

"Stiamo collaborando con il team creativo per ricostruire il festival del film in maniera più fedele possibile al festival vero."

Nella stessa conferenza stampa, Woody Allen ha dichiarato che non si ritirerà, anzi, che con molta probabilità finirà col morire su un set cinematografico. Rifkin's Festival sarà il primo film del regista di Manhattan dopo gli scomodi fatti personali che lo hanno ostracizzato negli Stati Uniti, motivo per il quale il progetto sarà una produzione europea.

Per altre informazioni vi rimandiamo al trailer di Un Giorno di Pioggia a New York, ultimo film di Allen pronto ormai da tempo ma finito nel vortice di polemiche a seguito del movimento MeToo e del processo mediatico scatenato dalle reiterate accuse di molestie della sua figlia adottiva Dylan Farrow, per le quali il regista fu già giudicato innocente anni fa ma che hanno trovato nuova risonanza negli ultimi mesi.

FONTE: Screen
Quanto è interessante?
1