Indiana Jones, lo sceneggiatore ammette: "Gli alieni forse furono un po' troppo"

Indiana Jones, lo sceneggiatore ammette: 'Gli alieni forse furono un po' troppo'
di

In attesa del trailer di Indiana Jones 5, lo sceneggiatore David Koepp, autore della storia del quarto capitolo della saga, Indiana Jones e Il regno del teschio di cristallo, ha commentato uno dei punti più discussi dai fan della saga: l'introduzione degli alieni nel mondo del professor Jones.

Nel corso di una recente intervista promozionale, infatti, Koepp, uno degli storici collaboratori di Steven Spielberg - per il quale scrisse, tra gli altri, Jurassic Park e La guerra dei mondi - nonché autore delle sceneggiature di Carlito's Way e Mission: Impossible di Brian de Palma e Spider-Man di Sam Raimi, ha dichiarato: "Non sono mai stato realmente contento dell'idea degli alieni. Quando sono arrivato nella produzione, ho cercato di convincere Steven e George [Lucas, ndr] a cambiare quel dettaglio, e avevo un'altra idea. Ma loro erano convinti e non volevano modificare la storia che avevano pensato. Non sto dicendo che la mia idea sarebbe stata necessariamente migliore, per carità. Ma penso che gran parte del distacco che i fan hanno provato per il film deriva da questa cosa, dall'inclusione degli alieni. Molti sono convinti ancora oggi che gli alieni non dovrebbero far parte del mondo di Indiana Jones, e forse in retrospettiva hanno ragione".

I primi tre episodi 'classici' della saga di Indiana Jones avevano raccontato avventure legate alla religione e al misticismo, mentre appunto Il regno del teschio di cristallo si è buttato nella fantascienza vera e propria: voi da che parte state, detrattori o estimatori (che esistono, non vi preoccupate)? Ditecelo nella sezione dei commenti che trovate in calce!

Tra l'altro, a proposito di fantascienza: secondo le poche informazioni note sul misterioso Indiana Jones 5, una famosa teoria riguardo la trama del film sostiene che la storia sarà legata ai viaggi nel tempo.

Quanto è interessante?
6