Il team di Moonlight rifiuta l'invito di partecipazione alla serata degli Oscar 2018

di

Lo scorso anno il momento clou della cerimonia di premiazione è stato in parte “rovinato” a causa della gaffe non voluta di Warren Beatty e Faye Dunaway. I due avevano annunciato infatti come vincitori per la categoria Miglior Film la pellicola diretta da Damien Chazelle, La La Land, salvo poi ritrattare e consegnare la statuetta a Moonlight.

Nel corso di un’intervista con Deadline il conduttore televisivo Jimmy Kimmel, chiamato a condurre per la seconda volta l’evento più atteso per l’industria dell’intrattenimento, ha rivelato che i produttori degli Oscar Jennifer Todd e Michael De Luca hanno esteso ufficialmente un invito al team di Moonlight per riparare all’errore commesso durante l’89a edizione degli Academy Awards:

Abbiamo offerto loro un momento della serata e hanno risposto che andava già bene così, avevano già pronunciato il loro discorso al momento della vittoria ed è giusto lasciare le cose così come stanno”.

L’anchorman del Jimmy Kimmel Live!, in onda sul canale ABC, non ha specificato chi della squadra di Moonlight abbia ricevuto l’invito, ma presumibilmente dovrebbe trattarsi dei produttori Adele Romanski, Dede Gardner e Jeremy Kleiner, assieme al regista e sceneggiatore Barry Jenkins. In compenso vedremo nel corso della serata in veste di presentatore Mahershala Ali, l'attore afroamericano che lo scorso anno ha vinto il suo primo premio Oscar nella sezione Miglior attore non protagonista per l'interpretazione prestata nel lungometraggio di Jenkins.

Domenica 4 marzo Warren Beatty e Faye Dunaway faranno ritorno sul palco del Dolby Theatre di Los Angeles per consegnare nuovamente l’ambita statuetta per Miglior Film ad uno dei nove candidati di quest’anno. Di sicuro il momento che precederà l’annuncio del vincitore sarà correlato da commenti ironici che ricalcheranno l’errore commesso lo scorso anno dal duo passato alla storia del cinema per aver interpretato Bonnie e Clyde nel film Gangster Story del 1967.

FONTE: GoldDerby
Quanto è interessante?
3