Il sequel di Galline in fuga è ufficialmente in fase di lavorazione

INFORMAZIONI FILM
di

Sono passati quasi venti anni dall’uscita nelle sale della pellicola d’animazione in stop-motion, capace di ottenere incassi così elevati al botteghino da rimanere ancora oggi in vetta alla classifica. A quanto pare l’Aardman Animations sarebbe intenzionata a ripercorrere le storie di Gaia, Rocky e delle altre galline in un sequel.

I dettagli sull’arco narrativo del nuovo lungometraggio non sono stati al momento rilasciati, ma è stato annunciato il nome del regista che sostituirà Peter Lord e Nick Park, il duo in cabina di regia per il primo capitolo. Sarà Sam Fell il filmmaker scelto per stare dietro la macchina da presa, un nome già conosciuto agli amanti dell’animazione per prodotti di intrattenimento destinati alle famiglie come Le avventure del topino Despereaux o Giù per il tubo. Nel 2012, inoltre, Fell ottenne la nomination agli Oscar e ai BAFTA per il lungometraggio ParaNorman.

La sceneggiatura del sequel di Galline in fuga è stata affidata alla penna di Karey Kirkpatrick (I Puffi 2) e John O’Farrell. I co-fondatori della Aardman, Peter Lord e David Sproxton, saranno produttori esecutivi.

Uscito nelle sale cinematografiche nell’estate del 2000, mentre in Italia abbiamo dovuto attendere la distribuzione in concomitanza con le feste natalizie, Galline in fuga ha avuto un costo di budget pari a 45 milioni di dollari, incassando nei soli Stati Uniti ben 106 milioni e 119 milioni nel resto del mondo, arrivando così a sfiorare i 225 milioni di dollari. Un risultato, insomma, di tutto rispetto considerando il suo genere.

Sebbene non sia stato ancora confermato, la produzione di Galline in fuga 2 partirà negli studi di Bristol della Aardman dopo che la casa avrà finito di realizzare un altro sequel della propria libreria, quello di Shaun, vita da pecora, la cui release in sala è fissata per l’aprile del 2019.

Voi cosa ne pensate? Siete entusiasti all’idea di poter rivedere le galline più famose del mondo dell’animazione?

FONTE: THR
Quanto è interessante?
3