C'Era Una Volta a Hollywood ha rotto due tradizioni del cinema di Tarantino: ecco quali

C'Era Una Volta a Hollywood ha rotto due tradizioni del cinema di Tarantino: ecco quali
di

C'Era Una Volta a Hollywood, acclamato nono film scritto e diretto da Quentin Tarantino con protagonisti Leonardo DiCaprio, Brad Pitt e Margot Robbie, ha rotto due famosissime tradizioni del cinema del suo autore.

Per prima cosa, il film non include una truck-shot, la famosa inquadratura dall'interno di un portabagagli che Tarantino ha mutuato dal cinema di Martin Scorsese e utilizzato come suo marchio di fabbrica fin da Le Iene. I primi personaggi ad apparire in una truck-shot di Tarantino furono Mr. Blonde (Michael Madsen), Mr. White (Harvey Keitel) e Mr. Pink (Steve Buscemi), e da allora quel tipo di inquadratura è tornata come una sorta di "tradizione" nei film di Tarantino (una sua variante è presente persino a metà e alla fine di Bastardi senza Gloria, la prima volta su Aldo Raine e Donny Donowitz, la seconda con Aldo e Utivich) ... ma in C'Era Una Volta a Hollywood questa speciale tecnica non viene utilizzata.

La seconda tradizione interrotta riguarda Michael Madsen: frequente collaboratore di Tarantino, Madsen è apparso in Le Iene, Kill Bill (volume 1 e 2) e The Hateful Eight, e i suoi personaggi sono sempre morti; in C'Era Una Volta a Hollywood, tuttavia, Madsen appare in un cameo nei panni dello sceriffo Hackett della serie tv fittizia Bounty Law, facendo del nono film di Tarantino il primo in cui riesce a sopravvivere.

Per altri approfondimenti vi rimandiamo ad un saggio sulle migliori tre scene di C'era Una Volta a Hollywood, all'Everycult su Bastardi senza Gloria e all'Everycult su Pulp Fiction; inoltre, recuperate la nostra classifica dei migliori film di Quentin Tarantino.

Quanto è interessante?
5