C'Era Una Volta a Hollywood, il commovente ricordo di Di Caprio per River Phoenix

C'Era Una Volta a Hollywood, il commovente ricordo di Di Caprio per River Phoenix
di

Vi abbiamo parlato del nuovo film di Quentin Tarantino nella nostra recensione di C'Era Una Volta a Hollywood, che abbiamo potuto vedere in anteprima a Cannes, ma nel corso di un'intervista promozionale Leonardo Di Caprio ha voluto fermarsi per ricordare un suo vecchio amico, River Phoenix

Parlando con Esquire, l'attore ha confessato che la morte di Phoenix è stato il "momento più brutto e triste" della sua carriera.

"Sono cresciuto considerando River Phoenix il più grande attore della mia generazione, e tutto ciò che ho sempre desiderato era la possibilità di stringergli la mano, almeno una volta. Una sera, a una festa a Silver Lake, l'ho visto salire le scale. Sembrava una scena di La donna che visse due volte, perché aveva un'espressione strana e non l'avevo mai incontrato prima. Insomma, stava camminando verso di me e io sono rimasto paralizzato. Poi ho visto arrivare una marea di gente, mi sono voltato e lui era scomparso. Ho ripercorso le scale all'indietro, su e giù, per cercarlo. E lui era andato al Viper Room".

Di Caprio non avrebbe più avuto occasione di stringergli la mano, perché River Phoenix morì di overdose quella stessa sera dell'ottobre 1993 proprio, fuori dal Viper Room. Aveva 23 anni.

"Quando l'ho saputo, mi sono sentito come... come se fosse scomparso davanti ai miei occhi, e la tragedia di aver perso questa enorme influenza per me e per i miei amici è stata grande. Era l'attore di cui parlavamo sempre. Volevo solo stringergli la mano... due persone sono arrivate di fronte a me e poi lui non c'era più."

Per altre informazioni sul film di Tarantino, scoprite come e perché C'Era Una Volta a Hollywood è nato come romanzo, prima che l'autore di Pulp Fiction decidesse di farne un film. Tra l'altro, gli unici ad aver letto la sceneggiatura completa sono stati Brad Pitt e Leonardo Di Caprio: neppure Margot Robbie, Al Pacino e Kurt Russell hanno potuto godere di questo privilegio, e come tutti gli altri si sono dovuti accontentare esclusivamente delle scene con i propri personaggi.

FONTE: Esquire
Quanto è interessante?
10