Harry Potter: i 5 peggiori incidenti visti nella saga cinematografica

Harry Potter: i 5 peggiori incidenti visti nella saga cinematografica
di

Per gli spettatori di ogni età, i romanzi e i film derivativi di Harry Potter sono un cult senza tempo, che ha accompagnato molti di noi nel corso dell'adolescenza. Ma al di là degli incantesimi di magia e le trame avvincenti, i film sono disseminati di brutti incidenti che lasciano Harry, il più delle volte, ferito o tramortito.

Nelle ultime settimane, il titolo della J.K. Rowling è tornato in tendenza non solo per le riproiezioni in sala in concomitanza coi vent'anni dall'uscita di Harry Potter, ma anche perché il regista Chris Columbus s è detto interessato a girare un nuovo sequel di Harry Potter. Noi ne approfittiamo per proporvi questa Top - in ordine sparso - di infortuni di cui Harry è stato vittima degli anni. In realtà sono molti di più e alcuni anche più gravi, come quando Codaliscia gli taglia il braccio ne Il calice di fuoco. Noi abbiamo inserito i più iconici o quelli legati a scene di grande impatto cinematografico.

La camera dei segreti: Uno degli infortuni più iconici e stomachevoli è sicuramente contenuto nel secondo capitolo, quando durante una partita di Quidditch un bolide frantuma il braccio di Harry. Lo sport a caccia del Boccino d'Oro, si sa, è particolarmente cruento, ma la diagnosi non sarebbe neanche così terribile se a peggiorare le cose non intervenisse l'incapace Gilderoy Allock, che sbagliando incantesimo gli elimina le ossa dal braccio invece di farle rimarginare. Il seguito lo conoscete, è abbastanza nauseante.

Il prigioniero di Azkaban: Rimanendo nell'area del Quidditch - una pratica che dovrebbe essere vietata a Hogwarts, vista la pericolosità - uno dei momenti più a rischio per Harry, anche se risoltosi poi in una bolla di sapone rispetto al disastro che si annunciava, è quando questi cade dalla scopa durante una partita. La colpa è dei Dissennatori a guardia della scuola di magia, che in una scena glaciale e inquietantissima - in cui si vede tutta la maestria registica di Alfonso Cuarón - gli succhiano via l'anima fino a farlo svenire. Solo l'intervento di Silente salverà Harry da morte certa.

I doni della morte (Parte 1): Altro infortunio potenzialmente mortale - che infatti lo è per altri personaggi del film - è il morso di Nagini, il serpente di Voldemort. Solo una pozione di Hermione salverà Harry, di nuovo, da una morte rapida ma dolorosa. La scena in cui il serpente esce fuori dal corpo della vecchia signora poi, è la più inquietante di tutta la saga.

L'ordine della fenice: Una ferita decisamente "alternativa" è quella inflitta a Harry dalla sadica Dolores Umbridge, che con un incantesimo lo costringe a marchiare sulla propria pelle la frase "Non devo dire bugie", per averle disobbedito. Nonostante il puritanesimo della Preside, in pratica è come se gli avesse procurato un tatuaggio a vita.

La pietra filosofale: Non poteva non finire in classifica, ovviamente, l'iconica cicatrice procurata a Harry, da bambino, con l'Avada Kedavra di Voldemort, lo stesso incantesimo che porterà alla sua momentanea scomparsa. Su quella ferita si basa, in fondo, tutto l'impianto del film. Credendo infatti alla profezia del "Ragazzo che è sopravvissuto" e che lo sconfiggerà in futuro, Voldemort di fatto la avvera, andando di casa in casa fino a creare, inavvertitamente, proprio quel sopravvissuto. E dandogli un po' della sua forza di mago che gli permetterà, alla fine della saga, di sconfiggerlo. Si fosse fatto gli affari suoi, Voldemort sarebbe ancora qui.

Che ne pensate di questa Top? Avreste inserito altri infortuni? Ditecelo nei commenti!

Quanto è interessante?
3