Gwyneth Paltrow sul nepotismo nel cinema: "Se 'sei figli di...' devi lavorare il doppio"

Gwyneth Paltrow sul nepotismo nel cinema: 'Se 'sei figli di...' devi lavorare il doppio'
di

Il mondo del cinema e più in generale dell'intrattenimento è ricchissimo di figli d'arte. Baste pensare a Maya Hawke attualmente sulla cresta dell'onda con Stranger Things o Dakota Johnson pronta a debuttare nel MCU ma a quanto pare, avere genitori famosi, secondo Gwyneth Paltrow non è necessariamente un vantaggio.

In una chiacchierata con Hailey Bieber, la fondatrice di Goop, figlia del regista Bruce Paltrow e dell'attrice Blythe Danner, ha detto: "Dopo essermi iscritta all'università per un breve periodo ho iniziato a fare audizioni. Sono stata catapultata in questo modo così rapidamente e poi sono giunta al successo davvero giovane".

In risposta a queste sue parole, la consorte di Justin Bieber, figlia di Stephen Baldwin e nipote degli attori Alec, Daniel e William Baldwin, ha chiesto quanto la fama dei suoi genitori avesse influenzato la sua ascesa alla celebrità e così Gwyneth Paltrow ha detto:

"Penso il giusto. Come figlio di qualcuno, hai accesso a privilegi che altre persone non hanno, quindi parti sicuramente con un certo vantaggio. Tuttavia, quando arrivi ad ottenere davvero qualcosa, se 'sei figli di...' devi lavorare il doppio e dimostrare di essere due volte più bravo degli altri. Questo perchè sei costantemente nell'occhio del ciclone e fanno di tutto per affossarti. Le persone tenderanno a dire che sei arrivato li per merito di tua madre o di tuo padre, e difficilmente riconosceranno quelli che sono i tuoi meriti".

In conclusione l'attrice vincitrice del Premio Oscar nel 1999 con Shakespeare in Love ha detto: "Nessuno al mondo, specialmente chi non ti conosce, dovrebbe avere un impatto negativo sul tuo percorso o su cosa decidi di fare nella tua vita".

Insomma, pur riconoscendo che dei vantaggi ci sono nell'essere 'figlio di...', Gwyneth Paltrow sottolinea che comunque è necessario lavorare sodo per potersi affermare.

FONTE: BF
Quanto è interessante?
4