Guillermo Del Toro racconta il suo nuovo film, Nightmare Alley

Guillermo Del Toro racconta il suo nuovo film, Nightmare Alley
INFORMAZIONI FILM
di

In occasione della cerimonia di assegnazione per la sua stella sulla Walk of Fame, il regista Guillermo Del Toro si è fermato con Variety per parlare del suo prossimo film, Nightmare Alley.

Come sappiamo l'impressionante cast di Nightmare Alley includerà fra Bradley Cooper come protagonista e, fra gli altri, anche Cate Blanchett e Willem Dafoe, con l'inizio delle riprese fissato per questo autunno.

Parlando del film, Del Toro lo ha descritto come la storia oscura e profondamente cinica di un mentalista che lavora in un circo itinerante. L'opera è ispirata ad un romanzo già portato sullo schermo dalla Fox nel 1947 con il titolo (italiano) de La Fiera delle Illusioni, e a quanto pare il regista rimarrà molto fedele al libro originale, perché le sue tematiche sono profondamente rilevanti ancora oggi.

"Come la maggior parte della letteratura noir della sua epoca, nel libro c'era una sorta di disillusione circa il capitalismo e una delusione nei confronti della civiltà moderna e dell'ambiente urbano", ha detto Del Toro. "Ho pensato che fosse molto carico sessualmente e davvero toccante per l'America, con una connessione intuitiva brillante tra il mentalismo da fiera e la nascita della psicologia in America."

La strana e raccapricciante sinossi del film originale recita:

"Stanton, imbonitore di fiera, prima imbroglia Zeena, partner di un mago che legge nel pensiero, appropriandosi dei suoi trucchi, e poi si associa con una psicologa sfruttando le confidenze dei suoi clienti per ingannarli con esperimenti pseudospiritistici. Smascherato in pubblico dalla moglie e rovinato, diventa un alcolizzato e finisce come attrazione mostruosa in un numero da baraccone in cui decapita polli vivi e ne beve il sangue."

Nella stessa intervista Guillermo Del Toro ha parlato del suo Pinocchio, che uscirà nel 2021 e che al contrario di Nightmare Alley sarà volontariamente molto diverso rispetto sia al romanzo di Carlo Collodi sia al film animato della Disney.

FONTE: Variety
Quanto è interessante?
1