Guillermo del Toro: "Baby Driver mi ha fatto capire come guarire dal fallimento"

di

Nonostante abbia tentato di mantenere viva la fiamma di un terzo, sperato capitolo del suo Hellboy cinematografico, mesi fa è stato annunciato un reboot sul personaggio che ha definitivamente messo la parola fine ai sogni dei fan e di Guillermo del Toro, adesso impegnato sul set del suo ultimo film..

Parlando recentemente ai microfoni di Indiewire, però, il regista messicano ha avuto modo di affrontare la questione soffermandosi sul suo amore per Baby Driver -che ha pubblicamente elogiato anche via Twitter-, spiegando come il film di Edgar Wright gli abbia dato i mezzi per guarire dalla sensazione di fallimento con Hellboy.

Queste le sue dichiarazioni: «Quando un progetto muore, ottieni forse un giorno o due di titoli, ma poi il mondo va avanti. Da regista, quando recidi i tuoi legami con un progetto, ti lasci alle spalle almeno due anni di storia e sofferenza. Hai affrontato tempi di produzione, creazione di storyboard e ti ritrovi improvvisamente nel bel mezzo della pittura di un dipinto quando qualcuno brucia dal nulla la tela. E guardare Edgar Wright affrontare una simile delusione con Ant-Man per poi guarire con Baby Driver è per me molto importante e trovo doveroso parlarne».

Il regista non ha che parole di stima per il collega e solo elogi a profusione per Baby Driver, da noi il prossimo 7 settembre, definendolo "mozzafiato e diretto in modo impeccabile", un film "profondamente innamorato del cinema". Passando così all'elefante nella stanza, il reboot di Hellboy, Del Toro dichiara infine: «Credo di essere stato più sovreccitato che incline a provare un'ultima volta a portare al cinema una versione strutturata del personaggio. Ron [Perlman] e io eravamo davvero emozionati, ma il papà di Hellboy è Mike [Mignola]. Se sente di doverlo rebootare, è perfettamente comprensibile e che Dio lo benedica. Come sempre, io ho una scaletta pienissima e sono davvero grato per questo».

Vi ricordiamo che il prossimo film del regista sarà The Shape of Water, una fiaba dai toni dark e romantici ambientata nel corso della Guerra Fredda in America nel 1963 e con protagonisti Sally Hawkins, Octavia Spencer, Doug Jones, Michael Shannon e Michael Stuhlbarg, per un'uscita prevista nelle sale l'8 dicembre 2017.

FONTE: Indiewire
Quanto è interessante?
6