Guardiani della Galassia Vol. 2: James Gunn sulla sua libertà nel girare il film

di

A poco più di un mese dall’uscita nei cinema di Guardiani della Galassia Vol. 2, il regista James Gunn ha discusso la libertà che gli è stata concessa nella realizzazione del sequel, oltre a svelare a quale amabile perdente dei Guardiani si sente più legato in assoluto.

Per quanto riguarda le storie di origini dei supereroi, alcuni film hanno già abbastanza problemi nell’introdurre un solo personaggio, quindi è immaginabile lo sforzo che ha dovuto fare il regista James Gunn per introdurre i primi cinque Guardiani della Galassia. Parlando al Writer’s Guild Festival di quest'anno, Gunn ha spiegato che per lui è stato molto più facile scrivere il sequel, dato che era più libero dallo stress dovuto ai segmenti introduttivi del primo film.

"Con il secondo film ho avuto molta più libertà", ha spiegato Gunn. "Dato che il primo film è andato bene ed è stato bello, nella prima mezz'ora non dovrò introdurre di nuovo i cinque personaggi principali al pubblico, quindi possiamo andare dritti al cuore della storia."

Nonostante prenda alcuni spunti dalla prima pellicola, Gunn ha insistito che il sequel rimanga separato, piuttosto che fare troppo affidamento alla formula del suo predecessore. "Questo film deve essere una cosa separata, e non potevamo farne una copia merdosa del primo," ha detto.

Quando gli è stato chiesto a quale Guardiano si sente più legato, Gunn non ha avuto remore ad ammettere che ha riservato un posto speciale nel suo cuore per il procione armato di pistola più amato da tutti. "Il personaggio di Rocket è quello con cui ho legato di più in assoluto. Rocket è come me," ha rivelato Gunn. "Ha gli stessi problemi di controllo della rabbia che ho io, e ha anche la mia stessa incapacità nell’accettare l'amore." Inoltre, James Gunn ha rivelato che Star-Lord (Chris Pratt) incontrerà suo padre, Ego Il Pianeta Vivente (Kurt Russell), a circa 20 minuti dall'inizio del film.

Guardiani della Galassia Vol. 2 uscirà nei cinema il 5 maggio 2017.

FONTE: CBM
Quanto è interessante?
1