Netflix

Guai per Mel Gibson: Netflix lo esclude da un nuovo film per via di Winona Ryder

Guai per Mel Gibson: Netflix lo esclude da un nuovo film per via di Winona Ryder
INFORMAZIONI FILM
di

Mel Gibson non tornerà a prestare la voce a Rocky nel sequel di Galline in fuga, prodotto da Netflix. Il regista di Braveheart è finito nell'occhio del ciclone dopo le parole scioccanti di Winona Ryder, che a distanza di diversi anni dalla prima rivelazione di queste affermazioni è tornata a parlare di una frase antisemita che gli rivolse Gibson.

Winona Ryder ha rivangato qualche giorno fa una brutta esperienza vissuta con Mel Gibson nel 1995. Entrambi presenti ad una festa, l'attore avrebbe rivolto frasi omofobe e antisemite all'attrice e ad un suo amico gay.
"Ci trovavamo ad una festa affollata con uno dei miei migliori amici. Mel Gibson stava fumando un sigaro, stavamo chiacchierando e ad un certo punto si avvicina al mio amico, che è gay, e gli dice 'Aspetta, non mi trasmetterai mica l'AIDS?'. Poi è uscito fuori con qualcosa contro gli ebrei, dicendomi 'Non sarai mica una scappata dai forni?'".

Questa brutta vicenda era già stata raccontata da Winona Ryder diversi anni fa e ora l'attrice è tornata sull'argomento, scatenando la reazione di Mel Gibson, asserendo che l'attrice è 'una bugiarda', smentendo l'intera vicenda.
L'intera vicenda sembra che abbia avuto davvero delle ripercussioni in ambito lavorativo per Mel Gibson, che a questo punto non tornerà a doppiare il personaggio del galletto Rocky nell'atteso sequel di Galline in fuga.
Netflix ha annunciato il seguito di Galline in fuga dopo aver acquisito i diritti cinematografici da Studiocanal.

FONTE: The Sun
Quanto è interessante?
1