Godzilla: King of the Monsters, Michael Dougherty motiva l'assenza di Kong

Godzilla: King of the Monsters, Michael Dougherty motiva l'assenza di Kong
di

Godzilla: King of the Monsters ha preparato il terreno per lo scontro finale nel MonsterVerse, nonostante all'appello mancasse King Kong. Nel sequel di Godzilla tuttavia non sono mancati i riferimenti al personaggio e su quanto sia sempre più forte. E molti appassionati si sono chiesti: come mai non è comparso in questo terzo film del franchise?

A chiarire i dubbi e a motivare l'assenza di Kong da Godzilla: King of the Monsters, ci ha pensato il regista Michael Dougherty, citando un estratto del romanzo di Greg Keyes. Secondo quanto riportato Kong ha sentito benissimo il ruggito di King Ghidorah che ha improvvisamente risvegliato i kaiju ma ha deciso d'ignorarlo; Kong aveva già sentito questo tipo di richiamo da altri kaiju ma dal momento che non è stato infastidito su Skull Island ha deciso di lasciar perdere.

Kong inizia ad arrabbiarsi quando questi tipi di richiami aumentano. L'irrequietezza dei kaiju sembrano avere un effetto sulla sua stessa natura:"Sentì il movimento della roccia sotto di lui e la sua rabbia divenne più luminosa. Anche i profondi ascoltarono la chiamata. Come un osso che infestava il suo sonno, si stavano svegliando, la calma era finita, si grattava il prurito dalle costole e cominciava a cacciare".
Tutto stava andando per il meglio fino all'intervento del Mostro Zero.
Godzilla vs Kong è attualmente in produzione e arriverà nelle sale americane il 13 marzo 2020, ma la data potrebbe essere modificata. In ogni caso i fan potranno vedere Godzilla in azione in queste settimane con Godzilla: King of the Monsters, diretto da Michael Dougherty.
Il regista non è preoccupato dei risultati al box-office e delle recensioni, come ammesso in questi giorni dopo i primi riscontri.
La concorrenza di Rocketman e Aladdin ha influito negli incassi al botteghino del sequel di Godzilla.

FONTE: Comicbook
Quanto è interessante?
5